Pablo Larraín dirigerà Kristen Stewart nel ruolo della Principessa Diana nella pellicola dal titolo Spencer, film drammatico che sarà ufficialmente presentato al Cannes Virtual market, dove verranno venduti i diritti internazionali di distribuzione. Il film scritto da Steven Knight racconta un fine settimana critico nei primi anni '90, quando Diana si accorge che il suo matrimonio con il principe Carlo non funziona quanto tutto il percorso che deve fare per diventare un giorno regina. Il dramma si svolge per tre giorni, in una delle sue ultime vacanze natalizie nella House of Windsor nella loro tenuta di Sandringham a Norfolk, in Inghilterra. La produzione dovrebbe iniziare all'inizio del 2021.

Come nasce l'idea di Spencer

Il film sarà prodotto da Pablo Larraín, regista di fama mondiale, già noto per biopic come Jackie e Neruda, insieme ai soci di Fabula, società di produzione audiovisiva e pubblicitaria: Juan de Dios, Jonas Dornbach, Janine Jackowski e Paul Webster. Pablo Larraín ha spiegato a Deadline perché ha scelto proprio la storia di Lady D. e come mai il titolo Spencer sia il simbolo fondamentale della sua autonomia da una favola durata troppo poco per avere un lieto fine:

Siamo cresciuti tutti, almeno nella mia generazione, leggendo e capendo cos'è una fiaba. Di solito, il principe arriva e trova la principessa, la invita a diventare sua moglie e alla fine diventa regina. Questa è la fiaba. Quando qualcuno decide di non essere la regina e dice ‘Preferirei andare per la mia strada ed essere me stesso' è una grande decisione, una fiaba sottosopra. Sono sempre stato molto sorpreso da ciò e ho pensato che doveva essere un grande atto di coraggio. Questo è il cuore del film. Come e perché decidi di farlo? È una grande storia universale che può raggiungere milioni e milioni di persone, ed è quello che vogliamo fare. Vogliamo realizzare un film che punti a un pubblico mondiale, interessato a una vita così affascinante.

Perché la scelta di Kristen Stewart come Lady D.

Kristen Stewart è stata senza dubbio una scelta insolita e inaspettata. Lei stessa ha assaporato quella vita vissuta in un acquario mediatico a seguito della fama della Twilight Saga, con la stampa che ha continuato ad affibbiarle il nome di Isabella (Bella) Swan nonostante il prosieguo della sua carriera. È andata avanti per la sua strada e si è trasformata in una delle attrici più interessanti e imprevedibili che lavorano principalmente in film indipendenti e ora si appresta ad interpretare una delle donne più famose al mondo nel suo momento di grande crisi esistenziale.

Kristen è una delle più grandi attrici in circolazione al momento. Lei per me ha rappresentato da subito il concetto fondamentale di mistero. Kristen può essere molte cose, e può essere molto misteriosa e molto fragile e in definitiva anche molto forte, che è ciò di cui abbiamo bisogno. La combinazione di quegli elementi mi ha fatto pensare a lei. Il modo in cui ha risposto alla sceneggiatura e come si sta avvicinando al personaggio, è molto bello da vedere. Penso che farà qualcosa di sbalorditivo e intrigante allo stesso tempo. È questa forza della natura. Ho visto film di Kristen così diversi che è incredibile, siamo molto felici di averla, è un talento molto richiesto.

Perché il film si intitola Spencer

Il film non affronterà la tragica morte di Diana, a seguito del suo abbandono a palazzo, ma esaminerà più da vicino lo sgretolamento del suo matrimonio con Carlo e il suo feroce amore per i figli, il principe William e il principe Harry. Pablo Larraín spiega i motivi che l'hanno spinto verso questa prima parte della sua vita e non verso il finale: "Sono sempre stato affascinato dalla famiglia reale e dalle dinamiche di quella cultura, che non abbiamo nel mio paese d'origine (il Cile, ndr). Diana è un'icona così potente che milioni di persone, non solo donne, hanno provato empatia nei suoi confronti nella sua vita. Abbiamo deciso di entrare in una storia sull'identità e su come una donna decide in qualche modo di non essere la regina. È una donna che, nel viaggio del film, decide e realizza che vuole essere la donna che era prima di incontrare Charles. Ecco perché il film si chiama Spencer, che è il cognome che aveva prima di incontrare Charles".

Spencer sarà ambientato a Sandringham in giorni particolari, nei primi anni '90, intorno al 1992. I tre giorni includeranno la vigilia di Natale, il Natale e il Santo Stefano, durante i quali si dipaneranno le intenzioni di Lady D. e la consapevolezza del suo ritorno nella vita di Diana Spencer: "La sceneggiatura è incredibile e cattura ciò che ho sempre pensato, cioè l'enorme quantità di bellezza nel potere di Diana. Quando aveva il palcoscenico del mondo, ciò che aveva da dire della sua storia, e quanto è stata forte quando ebbe bisogno di trasformarsi in qualcosa di diverso, per trovare il suo percorso. È una storia romantica di una donna che attraversa momenti difficili e che trova la sua soluzione".