194 CONDIVISIONI
30 Luglio 2017
21:37

“La morte ti fa bella”, il cult con Meryl Streep e Goldie Hawn usciva 25 anni fa

La dark comedy di Robert Zemeckis usciva, in USA, il 31 luglio 1992 e racconta la storia della rivalità tra l’attrice Madeline (Meryl Streep) e la scrittrice Helen (Goldie Hawn) che, alla soglia dei 50 anni, ricorreranno ad un elisir di lunga vita, con conseguenze devastanti. Cult assoluto, a 25 anni di distanza il film contiene messaggi (tristemente) sempre validi.
A cura di Ciro Brandi
194 CONDIVISIONI

La straordinaria dark comedy di Robert Zemeckis, con Meryl Streep, Goldie Hawn, Bruce Willis e Isabella Rossellini usciva in USA il 31 luglio 1992. La storia è quella di Madeline Ashton (Streep) e Helen Sharp (Hawn), due donne che vivono a Beverly Hills. Le due donne, la prima attrice e la seconda aspirante scrittrice, sono vicine ai 50 anni e, se un tempo erano amiche, adesso si odiano aspramente. In crisi sentimentale e professionale, le donne ricorrono all’elisir di lunga vita comprato da una strana donna giovane e sensuale, Lisle Vin Rhoman (Rossellini). Il filtro le rende bellissime e immortali, ma il prezzo da pagare è smisurato, in tutti i sensi

La critica contro la società dell’apparenza e dell’omologazione

Zemeckis, 25 anni fa, portava nelle sale questa commedia nera che, a primo impatto, poteva sembrare semplice e pretestuosa, ma che in effetti racchiude mille significati sempre tristemente attuali. Ancora oggi, viviamo nella società dell’apparenza, dove contano solo l’esteriorità, la ricerca della giovinezza ad ogni costo e dove l’omologazione estetica è dilagante. Naturalmente, Zemeckis porta tutto a limiti estremi, viaggiando nel tempo (il film si svolge su più piani temporali, negli anni 1978, 1985, 1992 e 2029) e portando tutto alla dimensione “finta e vanesia” per eccellenza, quella hollywoodiana. Il regista affidò la tagliente sceneggiatura a Martin Donovan e David Koepp che, dopo un inizio patinato e da thriller, trasformano l’atmosfera in una commedia gotica alla Tim Burton, servendosi della bravura di star eccezionali che non fanno una piega nei propri ruoli. I personaggi sembrano essere ingabbiati nella propria immagine, non hanno autostima e credono di poterla comprare (pagandola a carissimo prezzo), finendo per essere più infelici di prima. L’unico che sembra reagire al proprio lugubre destino è il chirurgo estetico Ernest Menville/Bruce Willis, che si rifiuterà di essere risucchiati nel vuoto totale in cui versano le due donne.

L’Oscar ai Migliori effetti speciali e gli incassi

Tutto è curato nei minimi dettagli, a partire dalla colonna sonora composta da Alan Silvestri, fino al trucco della coppia formata da Dick Smith e Kevin Haney e alla fotografia di Dean Cundey. A colpire maggiormente la critica e il pubblico furono comunque gli effetti speciali creati da Ken Ralston, Doug Chiang, Douglas Smythe e Tom Woodruff Jr., premiati giustamente con l’Oscar e il BAFTA, mentre Meryl Streep portò a casa la nomination ai Golden Globe come Migliore attrice in un film commedia o musicale. “La morte ti fa bella” fu un ottimo successo anche al botteghino. Partendo da un budget di 55 milioni di dollari, infatti, il film riuscì a portarne a casa circa 150.

194 CONDIVISIONI
“Banana Joe”, il cult con Bud Spencer usciva 35 anni fa
“Banana Joe”, il cult con Bud Spencer usciva 35 anni fa
“Dirty Dancing – Balli proibiti” usciva 30 anni fa, ecco perché è un cult immortale
“Dirty Dancing – Balli proibiti” usciva 30 anni fa, ecco perché è un cult immortale
“Io speriamo che me la cavo”, la commedia con Paolo Villaggio usciva 25 anni fa
“Io speriamo che me la cavo”, la commedia con Paolo Villaggio usciva 25 anni fa
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni