La rivoluzione messa in moto dal colosso d’animazione Disney non ha raggiunto la Russia. La terra di Vladimir Putin ha censurato l’ufficiale Specter, personaggio dichiaratamente LGBTQ protagonista del film “Onward – Oltre la magia”. Nella pellicola si fa apertamente riferimento alla relazione lesbica tra Specter e la sua compagna ma la versione russa del film, secondo quanto riferiscono The Moscow Times e Kinopoisk.ru, ha eliminato il personaggio della fidanzata, limitandosi a parlare genericamente di “partner”.

La trama di Onward – oltre la magia

Il film di Pixar racconta le avventure dei fratelli elfi Ian e Barley Lightfoot alle prese con la ricerca della magia in un mondo che somiglia alla Terra di Mezzo. Tra i personaggi che li accompagneranno durante un pezzo del loro viaggio c’è quello della poliziotta Ciclope, l'Ufficiale Specter, primo personaggio dichiaratamente LGBTQ proposto da Disney dopo il timido tentativo, naufragato, realizzato con Elsa di Frozen. Il personaggio di Specter consente a Disney di affrontare un tema fino a questo momento solo sfiorato, aprendo alla comprensione della sessualità senza differenze di genere da parte di un pubblico composto perlopiù da giovanissimi. Va in questo senso la dichiarazione rilasciata dal regista Dan Scanlon, che mette al centro la modernità: "È un mondo fantasy moderno e vogliamo rappresentare il mondo moderno". Nella versione originale del film, l’ufficiale Specter è sposata con una donna che ha già una figlia.

La scure della censura in Russia

Onward – Oltre la magia” non è l’unico film rivolto a un pubblico giovane che ha affrontato la scure della censura russa. Il paese di Putin aveva già censurato pellicole come Avengers – Endgame, anche questo targato Disney, e Rocketman, il biopic sulla vita di Elton John. “È possibile che la divisione locale della Disney abbia voluto evitare problemi inutili con l’uscita del film” scrive Kinopoisk, ricordando che nel 2013 la Russia ha emanato una legge contro la propaganda sessuale.