17 Agosto 2016
20:34

Lady Gaga protagonista del remake di “È nata una stella”: alla regia c’è Bradley Cooper

Saltato definitivamente il progetto di Clint Eastwood, sarà Bradley Cooper a dirigere (e a interpretare) il terzo rifacimento di un classico di Hollywood. La vera notizia è però la presenza di Lady Gaga, che raccoglierà il testimone di Janet Gaynor, Judy Garland e Barbra Streisand, puntando a conquistare un Oscar come attrice e uno per la colonna sonora.
A cura di Valeria Morini

Non contenta di aver appassionato il pubblico del piccolo schermo con la sua interpretazione in "American Horror Story", che le è valsa persino un Golden Globe, Lady Gaga vuole continuare a percorrere la strada della recitazione. Stavolta, però, la celebrata popstar ha deciso di darsi addirittura al cinema, e non con un cameo ironico in stile "Machete Kills": sarà addirittura protagonista assoluta del remake di "È nata una stella", come confermato da Warner Bros. Altra succosa notizia, il film segnerà l'esordio alla regia di Bradley Cooper.

Salta dunque definitivamente il progetto che vedeva Clint Eastwood dietro la macchina da presa e Leonardo DiCaprio protagonista. Co-star della pellicola sarà lo stesso Cooper, mentre non si conoscono ancora gli altri membri del cast; secondo i media anglosassoni, Lady Gaga comporrà e interpreterà i brani del film. La storia è tutt'altro che nuova: racconta l'ascesa di una diva nell'olimpo della musica e il relativo legame artistico e sentimentale con il suo pigmalione e conta ben tre precedenti (più uno) nella storia di Hollywood.

"È nata una stella" con Janet Gaynor (1937)

Tutto nasce con "A che prezzo Hollywood?" di George Cukor, film del 1932 con Constance Bennett e Lowell Sherman. È da questa pellicola che trae vagamente spunto il primo "È nata una stella", diretto da William A. Wellman nel 1937 con le interpretazioni di Janet Gaynor e Fredric March. Un successo che conquista un Oscar al soggetto e sei nomination a film, attori protagonisti, regista, sceneggiatura e assistente alla regia.

"È nata una stella" con Judy Garland (1954)

Curiosamente, è proprio George Cukor a realizzare un rifacimento della pellicola che a sua volta si ispirava a un suo lavoro. Il secondo "È nata una stella" resta forse il più celebre e vede una splendida Judy Garland nei panni della protagonista (che qui è una cantante anziché un'aspirante attrice), affiancata da James Mason. Piovono anche in questo caso tante le nomination (a entrambi gli attori, scenografia, costumi, colonna sonora e alla canzone originale "The Man that Got Away" di Harold Arlen e Ira Gershwin) ma non arriva nessun Oscar.

"È nata una stella" con Barbra Streisand (1976)

Quindi, si passa ai più trasgressivi e rock anni Settanta, quando Frank Pierson realizza un ulteriore remake datato 1976 con Barbra Streisand e Kris Kristofferson. Stavolta la statuetta arriva, destinata alla canzone  "Evergreen" scritta dalla Streisand e da Paul Williams. C'è da scommettere che anche il nuovo progetto, in uscita nel 2017, punti all'Academy: Lady Gaga potrebbe riuscire nell'impresa di conquistare un Oscar per le musiche e uno come attrice protagonista.

Lady Gaga segue i Coldplay, sarà lei la protagonista del Super Bowl 2017
Lady Gaga segue i Coldplay, sarà lei la protagonista del Super Bowl 2017
Un cancro ai polmoni ha ucciso il padre di Bradley Cooper: “È cambiato tutto”
Un cancro ai polmoni ha ucciso il padre di Bradley Cooper: “È cambiato tutto”
Irina Shayk e Bradley Cooper, la sexy foto abbracciati in piscina
Irina Shayk e Bradley Cooper, la sexy foto abbracciati in piscina
39.450 di Spettacolo Fanpage
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni