L’attesa per “Star Wars: Gli ultimi Jedi” cresce inesorabilmente ogni giorno di più. L’ottavo capitolo di una delle saghe di fantascienza più famose di sempre, è diretto da Rian Johnson ed è ambientato immediatamente dopo i fatti accaduti ne “Il risveglio della Forza" e i grandi protagonisti saranno Mark Hamill, la compianta Carrie Fisher, Adam Driver, Daisy Ridley, John Boyega, Oscar Isaac, Lupita Nyong'o, Domhnall Gleeson, Anthony Daniels, Gwendoline Christie, Andy Serkis, Benicio del Toro, Laura Dern e Kelly Marie Tran. Purtroppo, la sinossi ufficiale non rivela quasi nulla: “In Star Wars Gli Ultimi Jedi della Lucasfilm, la saga Skywalker continua quando gli eroi de Il Risveglio della Forza si uniscono alle leggende della galassia in un'epica avventura che svelerà i misteri della Forza e le scioccanti rivelazioni del passato risalenti all'Era antica”. I fan più accaniti, quindi, possono solo seguire questi 5 suggerimenti per smorzare l’attesa e accelerare i giorni che ci separano dalla data di uscita italiana, fissata al prossimo 13 dicembre.

1. Scervellarsi come psicopatici sul contenuto della Dark Side Box.

E’ tanto inutile quanto inevitabile interrogarsi costantemente sul contenuto della Dark Side Box. Cosa ci nasconde? Un messaggio su un’imminente guerra megagalattica? Una “Guida della Forza” per dilettanti? Una nuova spada laser? O addirittura il significato della vita? Beh, non aspettatevi qualche agognato spoiler, piuttosto sperate che il 13 dicembre arrivi in fretta per correre al cinema. Come dite: non potete aspettare tanto? D'accordo, allora sappiate che durante la prossima settimana vi mostreremo cos'è la Dark Side Box e come fare per aprirla!

2. Rivedere tutta la saga con l'amico peloso simil-Chewbecca.

Beh, una grande maratona nerd è d’obbligo. Rivedere tutti i sette capitoli precedenti, da “Guerre stellari” del 1977 a “Star Wars: Il risveglio della Forza”, del 2015 sarà, non solo un piacere, ma anche un modo per rinfrescarsi un po’ la memoria e rivivere le emozioni uniche che solo questo franchise sa scatenare da 40 anni. Armatevi quindi di popcorn e bibite che, unite all’adrenalina e all’esaltazione, saranno le uniche fonti di sostentamento per ore ed ore. Se alla fine riuscirete a non confondere il vostro amico più peloso per Chewbecca, a non muovervi a scatti come il dorato C-3PO e a non avere gli occhi arancioni come il simpatico e goffo Jar Jar Binks, allora sarete pronti per “Star Wars: Gli Ultimi Jedi”. A meno che non vogliate lanciarvi anche in un mega campionato di videogiochi, scegliendo tra le decine di titoli basati sullo stesso universo. Allora si che la maratona dovrebbe partire già da… ora!

3. Iniziare a costruire la spada laser senza bruciarsi i neuroni.

Dai, ammettiamolo, chi di noi non ha almeno cercato una volta online un tutorial per costruire la propria spada laser rischiando di bruciare totalmente il divano, le tende, la dignità e i neuroni? Se non ne avete ancora trovato uno chiaro e semplice da seguire, allora vi veniamo incontro segnalandovene uno i cui risultati vi stupiranno. E che la forza sia con voi!

4. Sapere tutto sui Porgs e sognare di coccolarne uno vero.

Le star de “Gli Ultimi Jedi” sono loro: i Porgs. I piccoli pinguini (o cricetini?) spaziali, nati dalla mente del regista Rian Johnson (ispirato dalle Pulcinelle di Mare dell’isola irlandese di Skellig Michael) popolano la fauna del pianeta Ahch-To, lo stesso dove si è rifugiato Luke Skywalker alla fine del VII capitolo. Le creaturine sono in grado di volare e costruire il loro nido e hanno già conquistato il cuore di tutti i fan della saga. Ma quanto sono teneri e quanto ne vorremmo uno da coccolare tutto il giorno?

5. Cercare di scoprire chi caspita è realmente Finn.

Uno dei misteri che ci trasciniamo dal capitolo VII e che ci ha tolto ore di sonno è: ma chi caspita è realmente Finn (o FN-2187)? Il personaggio di John Boyega, un ex stormtrooper, poi membro della Resistenza, ha origini ignote ed è cresciuto al servizio del Primordine, che poi ha rinnegato, stringendo amicizia con Poe Dameron e Rey. Non si sa neanche se il destino lo legherà ancora a Skywalker o Solo e, men che meno, sappiamo cosa farà nell’ottavo capitolo, dopo essere stato uno dei grandi protagonisti de “Il risveglio della forza”, fino all’ultimo minuto. Che ansia terribile.

Articolo sponsorizzato