91 CONDIVISIONI

Le 5 cose di “Robin Hood” che ancora non sapevate

Ridley Scott decise, nel 2010, di portare sul grande schermo una sua versione di “Robin Hood” e chiamò il suo amico Russell Crowe per interpretare l’arciere/eroe inglese per dare vita ad un kolossal che ebbe un clamoroso successo. Ma siete sicuri di sapere proprio tutto sul film?
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Ciro Brandi
91 CONDIVISIONI
Immagine

Il geniale Ridley Scott decise, nel 2010, di girare una sua versione cinematografica sulla leggendaria figura dell’eroe inglese Robin Hood. Alla sua corte richiamò il suo amico Russell Crowe, trionfatore agli Oscar del 2001 proprio grazie al ruolo de “Il gladiatore” di Scott, e insieme hanno dato vita ad un altro kolossal che ha aperto la 63esima edizione del Festival di Cannes e incassato 329.669.733 milioni di dollari in tutto il mondo. Di seguito, però, vi elenchiamo 5 curiosità sul film che, sicuramente, non sapete ancora.

5 curiosità che dovete sapere

1. Ridley Scott aveva concepito, inizialmente, il film col titolo “Nottingham” e la storia avrebbe dovuto incentrarsi sulla storia dello sceriffo, interpretato da Crowe, alle prese con le gesta di Robin Hood, rappresentato più come un simpatico furfante che come eroe. Successivamente, però, la sceneggiatura è stata riscritta e il progetto riavviato. Il regista ha poi preferito raccontare la crescita del leggendario arciere durante gli anni trascorsi a Nottingham.

2. Il regista ha sempre dichiarato di non essere mai stato particolarmente colpito dai film precedenti su Robin Hood, tranne “Robin Hood: Un uomo in calzamaglia”, di e con Mel Brooks, parodia di “Robin Hood – Principe dei ladri”(1991) di Kevin Reynolds, con Kevin Costner. Nel film ci sono anche riferimenti ad altri film, quali “Il padrino” (1972) di Francis Ford Coppola, “Mezzogiorno e mezzo di fuoco” (1974) e “La pazza storia del mondo” dello stesso Brooks.

Immagine

3. Sienna Miller firmò per interpretare il ruolo di Lady Marian, ma poco tempo dopo, l’attrice lasciò il set senza dare molte spiegazioni. I conseguenti rumors sostenevano che l'abbandono fu causato dall'incompatibilità e dagli scontri con Russell Crowe e il resto del cast. Al suo posto, il regista volle la grande  Cate Blanchett, grande amica di Crowe.

4. Russell Crowe è stato scelto dopo una lunga serie di valutazioni, in quanto ritenuto inizialmente un po' troppo "anziano" avanti negli anni per interpretare Robin Hood. Tuttavia, Crowe ha studiato il personaggio per quasi un anno, leggendo libri sulla leggenda, in modo da rappresentarlo nel modo più fedele possibile, allenandosi persino al tiro con l'arco per tanti mesi prima delle riprese.

5. Il famoso doppiatore Luca Ward, la voce italiana ufficiale di Russell Crowe, ha doppiato solo il trailer del film. Ward non ha potuto ultimare il film in seguito all'infortunio subito durante il programma “L'isola dei Famosi”. Tempo dopo, è stato sostituito da Fabrizio Pucci, altra voce abituale di Crowe.

91 CONDIVISIONI
Le 5 cose che non sapevate ancora su "Ted"
Le 5 cose che non sapevate ancora su "Ted"
Le 5 cose di "Avatar" che ancora non sapevate
Le 5 cose di "Avatar" che ancora non sapevate
Le 5 cose de “La spada nella roccia” che ancora non sapevate
Le 5 cose de “La spada nella roccia” che ancora non sapevate
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni