I fenomenali fratelli Jean-Pierre e Luc Dardenne sono i registi de L'età giovane (“Le Jeune Ahmed”), film drammatico presentato in anteprima al Festival di Cannes 2019, dove è riuscito a portare a casa il prestigioso Prix de la mise en scène. I fratelli seguono le controverse vicende di Ahmed (Idir Ben Addi), un 13 enne belga che ha abbracciato l’ala più estremista della religione musulmana e, a seguito dell’indottrinamento di un imam, pianifica l’uccisione della sua insegnante, ritenuta un’apostata. Nel cast ci sono anche Olivier Bonnaud, Myriem Akheddiou e Victoria Bluck. I Dardenne hanno prodotto la pellicola, con Les Films du Fleuve, mentre la distribuzione italiana è stata affidata a BiM che rilascerà il film nelle sale a partire dal prossimo 31 ottobre 2019.

Proprio i fratelli Dardenne, su questo loro gioiellino che ha incantato la critica, hanno dichiarato che mentre scrivevano la sceneggiatura si facevano mille domande:

Quando abbiamo iniziato a scrivere, non immaginavamo che avremmo creato un personaggio così chiuso in se stesso e imperscrutabile, capace di sfuggirci fino a tal punto, di lasciarci privi della possibilità di costruire una struttura drammatica per recuperarlo, per farlo uscire dalla sua follia omicida. Eppure, potrebbe essere diversamente? Come arrestare l'impetuosa corsa verso l'omicidio di questo giovane fanatico, impermeabile alla bontà e alla gentilezza dei suoi educatori, all'amore di sua madre, all'amicizia e ai giochi romantici della giovane Louise? Quale potrebbe essere la scena, quali potrebbero essere le inquadrature che permetterebbero di filmare questa metamorfosi e di sconvolgere lo sguardo dello spettatore immerso nella notte di Ahmed, vicinissimo a ciò che lo possiede e dal quale potrebbe finalmente liberarsi?

La sceneggiatura della pellicola è stata scritta sempre dai fratelli Dardenne mentre costumi e trucco sono, rispettivamente, di Maria Ramedhan Levi e Catherine Tilmant.

La trama

Ahmed è un adolescente d’origine magrebina che vive in Belgio. Alla ricerca di un punto di riferimento, il giovane apprende gli ideali assoluti del Corano attraverso il suo imam. A causa dell'interpretazione estremista del testa sacro, nella mente di Ahmed cresce un proposito insano: uccidere la sua insegnante. Si ritroverà però presto diviso tra gli ideali di purezza del suo imam e il fascino della vita che lo circonda.

Il cast

Per il giovanissimo Idir Ben Addi (Ahmed), “L’età giovane” rappresenta la pellicola d’esordio sul grande schermo e i registi hanno deciso di affiancargli Olivier Bonnaud (educatore), Myriem Akheddiou (Inès), Victoria Bluck (Louise), Claire Bodson (mamma di Ahmed) e Othmane Moumen (Youssouf).

Le curiosità sul film che dovete sapere

1. Nell'agosto del 2016, pochi mesi dopo gli attentati terroristici a Bruxelles, i fratelli Dardenne annunciarono di essere al lavoro su un film incentrato sul tema del fondamentalismo islamico. Poco tempo dopo, però, il progetto fu annullato a causa della risonanza mediatica successiva all'annuncio del tema del film.

2. Le riprese del film si sono svolte nella provincia di Liegi e nei comuni di Seraing e Neupré. Successivamente, si sono spostate alla fattoria didattica della Croix de Mer a Faimes.

3. Nei paesi in cui il film è già uscito ha già incassato 1.274.585 dollari.