2.246 CONDIVISIONI
Opinioni
27 Maggio 2014
17:38

Massimo Troisi torna al cinema nel ventesimo anniversario della morte

L’attore e regista di San Giorgio a Cremano, prematuramente scomparso nel 1994, tornerà sul grande schermo al cinema Metropolitan di via Chiaia a Napoli. La pellicola scelta per la serata del 4 giugno è “Non ci resta che piangere” con uno strepitoso Roberto Benigni, una commedia che esattamente trent’anni fa sbaragliò i botteghini.
2.246 CONDIVISIONI

Il 4 giugno del 1994 ci lasciava Massimo Troisi, erede di quella tradizione comica, ironica e indiscutibilmente napoletana che affonda le sue radici nelle maschere teatrali e in quella, immortale dei Totò e degli Eduardo De Filippo. Quest'anno, dunque, ricorrerà il ventennale della triste perdita e al tempo stesso il trentennale di una favolosa accoppiata vincente, quella costituita da Troisi e da Roberto Benigni. Due scuole di comicità che si fondono e danno vita ad una delle commedie più apprezzate e ricordate: "Non ci resta che piangere", uscita sul grande schermo proprio nel 1984 e capace di incassare, all'epoca, la bellezza di 15 miliardi di lire: un record. La storia del bidello Mario (Troisi) e dell'insegnante Saverio (Benigni), catapultati nell'Italia del Quattrocento («quasi Millecinque…») con una serie di gag paradossali e di incontri incredibili come quello con Leonardo Da Vinci, pezzi di eccezionale comicità come la lettera al Savonarola, pari solo all'altra celebre lettera, quella di Totò e Peppino alla "malafemmena", sono gli elementi di una commedia comica che ancor oggi, ogni qual volta viene trasmessa in tv, garantisce uno zoccolo duro di fedelissimi attaccati allo schermo.

Massimo Troisi torna al cinema a Napoli il 4 giugno con "Non ci resta che piangere"

E così, dopo il successo della serata organizzata a febbraio, in occasione del trentesimo anniversario di “Così parlò Bellavista”, la comitiva de La Radiazza di Radio Marte propone un nuovo amarcord del grande schermo. Gianni Simioli, Francesco Emilio Borrelli, Mario Pelliccia e Vincenzo D’Aniello in occasione del ventennale della scomparsa di Massimo Troisi e dei trent’anni dalla prima proiezione, riportano nelle sale “Non ci resta che piangere”, in cui lo stesso Troisi recita con Roberto Benigni. L' appuntamento è al cinema Metropolitan di Via Chiaia a Napoli. Per assistere , il 4 giugno 2014 alle ore 20.30, come sempre in modo gratuito bisogna prenotarsi alla mail troisialcinema@gmail.com. Gli ingressi saranno garantiti fino ad esaurimento posti per ogni spettacolo e con varie proiezioni serali se ci sarà un grande afflusso di pubblico. “Ricordare Massimo – dichiarano Simioli e Borrelli – in questa data, è un atto dovuto. Per quanti lo amano, e hanno amato il suo lavoro, Massimo non se n’è mai andato. Il film che riproponiamo tra l'altro fu il primo per incassi nel 1984 ed è quello probabilmente più spensierato del regista-attore di San Giorgio a Cremano". L'evento è in media partnership con Fanpage.it ed è possibile grazie all'imprenditore napoletano Francesco Caccavale che anche questa volta ha messo a disposizione gratuitamente le sale del Metropolitan a Chiaia.

La proiezione gratuita delle scene più famose dei film di Massimo Troisi

L'iniziativa napoletana sarà preceduta da un un ricordo collettivo di Troisi. Un happening con attori, musicisti e cittadini che potranno esibirsi o leggere e recitare spezzoni di film e di opere del noto artista nato a San Giorgio a Cremano. Inoltre saranno proiettati degli spezzoni eliminati nel montaggio del film Non ci resta che piangere ed una intervista ad Amanda Sandrelli che racconta il suo Troisi. “Ricordare Massimo – dichiarano Simioli e Borrelli – in questa data, è un atto dovuto. Per quanti lo amano, e hanno amato il suo lavoro, Massimo non se n’è mai andato. Ci hanno preannunciato la loro presenza l'attore Sergio Assisi, il musicista Tullio De Piscopo ed i "Foja",che dovrebbero intonare in sala alcuni brani della soundtrack del "Postino" e "Quando" di Pino Daniele".

2.246 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
Massimo Boldi torna al cinema con
Massimo Boldi torna al cinema con "Ma tu di che segno 6?"
Massimo Troisi non temeva la sua lingua, ci spinse a fare lo stesso
Massimo Troisi non temeva la sua lingua, ci spinse a fare lo stesso
Ventennale della morte di Troisi, Caprara:
Ventennale della morte di Troisi, Caprara: "Rappresenta l'amore per la vita"
71.915 di Spettacolo Fanpage
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni