Nell'intervista pubblicata da "Il Messaggero" nell'edizione cartacea del 17 dicembre, Anna Mazzamauro ha parlato di una violenza subita sul set di "Poveri ma ricchi", il primo dei due film diretti da Fausto Brizzi, il secondo del quale è stato inevitabilmente condizionato dall'inchiesta de "Le Iene" sulle presunte molestie del regista nei confronti di numerose attrici. La "signorina Silvani" parla apertamente: "Quando ho subito una violenza, meglio dire quando sono stata picchiata sul set, sono stata zitta. Per paura. Capisco il terrore che una donna può provare".

In silenzio per non danneggiare la produzione.

Ha aggiunto che ha trovato supporto proprio in Fausto Brizzi ("Mi è stato molto vicino") e che i rappresentanti della produzione "mi hanno pregato di non far uscire la notizia per non danneggiare il film. Ero umiliata e triste". E deve essere stata propria questa umiliazione e questa tristezza, unita al dolore, che hanno spinto l'attrice a disseminare tra un'intervista e l'altra, una serie di indizi sull'identità dell'attore che, solo per essersi visto sovrapporre in scena con una battuta, l'ha strattonata e picchiata, lacerandole il menisco dell'orecchio e costringendola a portare il bite, il morsetto dei pugili per sopportare il dolore.

La scena raccontata da Anna Mazzamauro.

Anna Mazzamauro racconta con una serie di dettagli la scena in questione: "Stavamo girando e io sarei dovuta entrare in scena mentre gli altri erano tutti insieme ad esultare. Chiesi a Brizzi quale sarebbe stato il mio momento. Mi rispose che, stando dietro la porta, l’avrei capito da sola. Così, tranquillamente mi misi ad aspettare.". Quando però l'attrice entra in scena, qualcosa va storto: "Una volta entrata in scena ho detto la mia battuta. Si è sovrapposta a quella di un altro attore. Che, senza dire nulla, mi ha strattonata e picchiata sull’orecchio". Dal racconto di Anna Mazzamauro, la scena potrebbe essere quella del momento in cui la famiglia Tucci scopre di aver vinto 100 milioni di euro.

Gli indizi in due interviste di un anno fa.

Un anno fa in due interviste diverse ma entrambe rilasciate in promozione di "Poveri ma Ricchi", la prima a TgCom24 e la seconda a Gay.it, Anna Mazzamauro ha fornito due indizi che tracciano un profilo chiaro dell'attore. Nell'intervista rilasciata al network Mediaset, dice a proposito di violenza sulle donne: "In un ultimo film sono stata picchiata da un attore solo perché senza volerlo avevo accavallato una sua battuta. Ho visto il senso della violenza in questo individuo. Un poveraccio che forse ha avuto successo perché racconta barzellette".  A Gay.it, quando le chiedono del suo rapporto professionale con Christian De Sica, dice: "È un attore meraviglioso. Una persona bravissima. Un signore, bello dentro e bello fuori. Parlare con lui mi ha dato la sensazione di essere nel salotto buono del vero spettacolo italiano". E Brignano? 

Di Enrico non vorrei parlare, se non ti dispiace.

Il profilo dell'attore romano.

Cresciuto artisticamente nell'Accademia per giovani comici di Gigi Proietti, Enrico Brignano conosce la notorietà nel 1992 proprio attraverso la prima edizione del programma che lanciava i barzellettieri per eccellenza, "La sai l'ultima?". Il profilo tracciato nelle interviste di un anno fa sembrano condurre tutte ad un nome, considerando che i ruoli maschili principali con cui la Mazzamauro ha interagito sono essenzialmente due. Un ulteriore indizio arriva ancora dall'intervista più recente, quella al "Messaggero", in cui l'attrice racconta di come è stato difficile riprendere il ruolo ed incontrare nuovamente sul set "quell'attore".

Il lavoro è lavoro e ho accettato. Ma ho fatto male. È stato difficile tornare sul set e lavorare con quell'attore con il quale non ho più scambiato una parola. Ho sempre pianto durante le riprese.

Considerato tutto questo, la domanda ci sembra a questo punto lecita: Enrico Brignano è l'attore che colpì Anna Mazzamauro sul set di "Poveri ma ricchi"?

No comment di Enrico Brignano.

Il giornale online Dagospia aveva pubblicato un identikit del presunto attore colpevole di aver picchiato la Mazzamauro e, a distanza di poche ore, è arrivata anche la prima dichiarazione ufficiale di Brignano. Avvicinato dai giornalisti a un giorno dal debutto in teatro con "Enricomincio da me", il comico ha risposto così: "Mi dispiace, vi ringrazio ma non faccio interviste. Dagospia? Sì, l'ho visto. E non mi va di commentare: sono in piena prova, ho il debutto dello spettacolo. Sono tranquillo. È un momento molto felice della mia vita, lo voglio mantenere tale. Perciò non mi va assolutamente di parlare".

La reazione della compagna Flora Canto.

A sollevare ulteriormente il dubbio che si possa trattare proprio dell'attore di Dragona, c'è anche la reazione piccata che ha avuto, attraverso i social network, la sua compagna Flora Canto. In un post su Instagram in cui indossa un copricapo di lana scrive: "Copriamoci il capo con un bel cappello… perché il freddo a molte donne sta dando alla testa!!!!!!!". Anche se la compagna di Enrico Brignano non fa mai il nome di Anna Mazzamauro, la pubblicazione del post è riuscita a provocare una serie di reazioni di solidarietà da parte dei suoi follower, che sembrano alimentare quello che – almeno sui social – appare come una sorta di pubblico segreto.

La Canto ringrazia e tranquillizza tutti: "Stai sereno il pubblico non scemo.. anzi è molto intelligente! Vedrai che bella sorpresa che facciamo a questa mitomane". E ancora: "Vecchie parlano e povere cretine scrivono". Infine, lascia intendere provvedimenti legali contro la persona in questione: "Ti ringrazio ma stai tranquilla! Ci stiamo già muovendo, per fortuna ci sono le prove per smentirla! L'età e il mancato successo fa brutti scherzi". 

La risposta della produzione del film.

Fanpage.it ha contattato il management per ottenere una replica ufficiale di Enrico Brignano, ma lo staff che cura la sua immagine al momento si è astenuto dal concederla. In un contatto telefonico, con l'ufficio stampa del film "Poveri ma Ricchi", siamo stati tuttavia informati dell'esistenza di materiale in possesso della produzione che andrebbe a smentire ogni supposizione.

La produzione ha un video che dimostra che le cose non sono andate così, che andrà a smentire ogni cosa. Sono tutte deduzioni che fino a quando non vengono confermate o smentite, restano deduzioni. Brignano sa che c'è del materiale video che va a smentire questa cosa qui, quindi fino al momento in cui la produzione si muoverà, o la Mazzamauro stessa dirà "No, non è andata così, avete capito male", l'attore resterà in attesa.

Ed è per l'esistenza di questo materiale, stando a quanto ci ha detto la produzione, che Enrico Brignano non replicherà, almeno al momento. La redazione di Fanpage.it resta a disposizione delle parti per qualsiasi chiarimento o dichiarazione nel merito.