Il cinema dice addio a Nicolas Roeg. Il regista britannico è morto all'età di 90 anni il 23 novembre, come annunciato dal figlio Nicolas Roeg Jr. Tra i più acclamati rappresentanti del cinema britannico ma anche autore controverso, fu il regista delle rockstar ribelli: diresse David  Bowie in L’uomo che cadde sulla Terra, che resta uno dei suoi titoli più celebri, e Mick Jagger in Sadismo.

Gli inizi come direttore della fotografia

Roeg iniziò nelle "retrovie", come direttore della fotografia nella seconda unità del kolossal di David Lean Lawrence D'Arabia. Fu la svolta che lo portò a lavorare come direttore della fotografia in film prestigiosi quali La maschera della morte rossa di Roger Corman, Dolci vizi al foro di Richard Lester, Fahrenheit 451 di François Truffaut e Via dalla pazza folla di John Schlesinger.

La carriera come regista

Il suo esordio come regista, in collaborazione con Donald Cammell, fu proprio Sadismo, con Mick Jagger (al suo debutto come attore), James Fox e Anita Pallenberg, uscito nel 1970 e oggetto di censura per i suoi contenuti spinti (sesso bisex, droghe allucinogene), ma rapidamente divenuto un cult movie. Fu poi la volta di L'inizio del cammino, prima regia in solitaria, e di un altro film di culto assoluto, il thriller – horror A Venezia… un dicembre rosso shocking, con Donald Sutherland e Julie Christie.

Nel '76, quindi, l'incontro con Bowie per il film di fantascienza L’uomo che cadde sulla Terra. Eureka con Gene Hackman, Rutger Hauer e Mickey Rourke, per qualcuno il suo capolavoro, fu contrassegnato da ritardi distributivi e diede inizio a un periodo di declino. Dopo una serie di videoclip per Roger Waters, arrivarono pellicole come Castaway, la ragazza venerdì , Mille pezzi di un delirio, Oscuri presagi. Diresse anche film per la tv, come un adattamento da Cuore di tenebra di Joseph Conrad con Tim Roth e John Malkovich e Sansone e Dalila, sceneggiato del filone biblico (coprodotto anche dall'Italia) tanto in auge negli anni 90. L'ultimo lavoro è The Film That Buys the Cinema, documentario del 2014.

Gli amori

Roeg ebbe tre mogli. La prima fu Susan Stephen, che sposò nel 1957 e che fu al suo fianco per 20 anni. Nel 1980 nacque il sodalizio artistico e sentimentale con Theresa Russell che diresse in diversi film e che sposò nel 1982. Dopo il divorzio dalla Russell, sposò Harriet Harper nel 2004.