Se qualche anno, giorno o, ancor più malauguratamente ora fa, aveste deciso di gettare via quella videocassetta di Hook Capitano Uncino, con il compianto Robin Williams e Dustin Hoffman, convinti che sarebbe stato pressoché inutile vederla, che senza un videoregistratore in casa non avreste saputo nemmeno che uso farne, oppure che, ancor peggio, avendo comprato la versione in dvd del film preferite vederlo in alta qualità, potreste finire per pentirvene seriamente. Questo per un semplice motivo: ci troviamo nell'era in cui il termine vintage è diventato un must e la moda del riutilizzo di ciò che fu tendenza un tempo, per poi finire nel dimenticatoio, potrebbe seriamente rischiare di coinvolgere anche quell'oggetto che oggi sembra così obsoleto. La videocassetta infatti, potrebbe rischiare di tornare ad avere un valore, e pure molto alto, nei prossimi anni. Il corriere internazionale ParcelHero ha infatti appena fatto partire una mail nella quale si consiglia di non buttarle perché a breve potrebbero avere un revival come quello dei dischi in vinile.

Sì, proprio come i vinili che hanno costretto a cambiare completamente la nostra concezione recente di supporto fisico per ascoltare musica, visto che il compact disc sembrava essersi assestato in maniera irreversibile come l'oggetto di riferimento per quel tipo di fruizione (forse l'ultimo, visto che oramai l'ascolto di musica si fa per buona parte su supporti non fisici e programmi d'ascolto come Spotify e derivati). Una videocassetta di Star Wars, come fa notare il Messaggero, è stata venduta per 100 euro su Ebay e la quota, verosimilmente, potrebbe essere destinata ad aumentare nel corso del tempo, soprattutto per l'interesse da parte dei collezionisti. Che nessuno si faccia illudere dalla chiusura di Blockbuster, avvenuta un anno fa, oppure prendere dalla smania di gettare quello che si ritiene superfluo. Bisogna ricordarsi che, in molti casi, tutto potrebbe essere riutilizzabile o vendibile: basta solo avere l'intuito di capire cosa.