15 Marzo 2010
16:01

Philip Seymour Hoffman, l’ora della regia

Debutterà dietro la macchina da presa uno dei migliori attori contemporanei, simbolo di carisma e qualità espressiva.
A cura di Alessio Gradogna

Da alcuni anni, Philip Seymour Hoffman è oggettivamente, senza dubbio, uno dei migliori attori in circolazione. E' partito in sordina, ha fatto la sua gavetta spesso in ruoli di contorno, è migliorato gradualmente nel tempo, e infine è diventato un personaggio dal carisma unico, in grado di dare forza e anima ai personaggi che interpreta, con continuità e sfumature sempre nuove e convincenti.

Nato a Fairport nel 1967, debuttante all'inizio degli anni '90 in piccole pellicole indipendenti, inizia a farsi notare partecipando al remake di Profumo di donna, diretto da Martin Brest. Da lì, la sua è una scalata verso le vette di Hollywood. In realtà ci mette alcuni anni a essere riconosciuto per i suoi indiscutibili meriti, anche se nel frattempo offre interpretazioni di grande livello: lo troviamo in Boogie Nights di Paul Thomas Anderson, ne Il grande Lebowski dei Coen, nello strepitoso Happiness di Solondz, in Il talento di Mr. Ripley di Minghella, nel folgorante Magnolia ancora di Anderson, fino all'indimenticabile prova nello splendido e commovente La 25a ora di Spike Lee.

Nel 2005 arriva la consacrazione definitiva, con l'Oscar come miglior attore per Truman Capote (biopic peraltro abbastanza fiacco). Recentemente lo abbiamo visto, ad esempio, in Onora il padre e la madre di Sidney Lumet, ne Il Dubbio accanto a Meryl Streep, in I love radio rock… Sempre con interpretazioni di altissimo livello.

Ora, finalmente, è giunto per Hoffman il momento del debutto alla regia, con un film che si chiamerà Quartet, e sarà basato su un gruppo di cantanti d'opera inglesi, che decidono di abbandonare le scene. Nel cast, già confermati Albert Finney e Maggie Smith. Le riprese dovrebbero iniziare a breve.

Alessio Gradogna

Dustin Hoffman, bacio gay in diretta
Dustin Hoffman, bacio gay in diretta
Dustin Hoffman genio della truffa in Luck
Dustin Hoffman genio della truffa in Luck
Dustin Hoffman esordisce come regista
Dustin Hoffman esordisce come regista
Gaetano Curreri ha avuto un malore durante un concerto, ora è in terapia intensiva
Gaetano Curreri ha avuto un malore durante un concerto, ora è in terapia intensiva
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni