9 Gennaio 2013
21:04

Qualcosa nell’aria, il capolavoro semi-autobiografico di Assayas

Direttamente dall’ultimo Festival di Venezia, dove ha vinto il premio per la migliore sceneggiatura, arriva il nuovo gioiellino di Olivier Assayas, ambientato nella Parigi tumultuosa e frenetica della fine degli anni Sessanta e inizio Settanta.
A cura di Ciro Brandi
Qualcosa nell'aria

Premio per la migliore sceneggiatura all’ultimo Festival di Venezia ed elogi da parte della critica. Con queste credenziali arriva nelle nostre sale “Qualcosa nell’aria” (“Après Mai”) l’ultima fatica del regista francese Olivier Assayas (“Demonlover”, “Clean – Quando il rock ti scorre nelle vene”). La pellicola è in parte autobiografica, come ha dichiarato lo stesso regista, che ha vissuto in prima persona il periodo che racconta – i primi anni Settanta – utilizzando Gilles, il protagonista maschile, quasi come suo alter ego, sempre pronto a non rinunciare ai propri sogni in un momento storico confuso, concitato e pieno di cambiamenti.

La trama

Qualcosa nell'aria

Gilles è un liceale che vive nell’epoca dei tumulti politici, a Parigi, tra la fine degli anni ’60 e l’inizio dei ’70. Il giovane è un aspirante artista e regista e rifiuta di credere che il coinvolgimento politico assoluto sia l'unica via per realizzare i propri sogni, così si troverà ad affrontare delle scelte decisive, in amore e nel campo artistico, toccando anche Londra e l’Italia, per affermare la propria identità e i propri ideali.

Il cast

Qualcosa nell'aria

I principali attori che compongono il cast sono: Clément Métayer (Gilles), Lola Créton (Christine), Carole Combes (Laure), Nathan Rodrigue (Christophe), Mathias Renou (Vincent), Hugo Conzelmann (Jean-Pierre), Félix Armand (Alain), Léa Rougeron (Maria), Félix de Givry (Christophe) e India Menuez (Leslie).

Lulù Selassié semi nuda su Instagram, arriva il commento di Barù Gaetani
Lulù Selassié semi nuda su Instagram, arriva il commento di Barù Gaetani
Gennaro D'Aria quattro brani dal cd Gennaro
Gennaro D'Aria quattro brani dal cd Gennaro
210 di NapoletanaTV
Manuela D'Aria e Cicerone Ipocrisia
Manuela D'Aria e Cicerone Ipocrisia
898 di NapoletanaTV
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni