È più di una settimana che la nave di Open Arms sta vagando in cerca di aiuto dai governi di Italia e Malta senza avere la benché minima risposta. A bordo ci sono 121 migranti e, al momento, si trova nella zona di Lampedusa, tentando di attraccare in un porto sicuro. In una nota diramata da Open Arms si legge: "Riteniamo inaccettabile che la vita di uomini, donne e bambini continui a essere ignorata e che i diritti sanciti dalle Convezioni Internazionali continuino ad essere sistematicamente violati. Parleremo di questo insieme a un amico e attivista per i diritti umani, che da anni si batte per dare voce ai più vulnerabili in ogni angolo della terra, Richard Gere, che ci ha raggiunti a Lampedusa per dare il suo sostegno al nostro equipaggio e a tutte le persone a bordo".

Il commento di Matteo Salvini

Tra le personalità dello spettacolo intervenute per sensibilizzare l'opinione pubblica e le forze politiche, ci sono Chef Rubio e Richard Gere. La star di Hollywood da tempo combatte perché vengano rispettati i diritti basilari dell'umanità e ha ritenuto opportuno salire a bordo, letteralmente, per dare sostegno ai migranti abbandonati al loro destino. Matteo Salvini, appresa la notizia da un giornalista, ha così commentato la partecipazione di Richard Gere alla causa umanitaria della Open Arms:

Speriamo che si abbronzi, che si trovi bene, non penso che gli manchi niente quindi buon viaggio. Noi abbiamo indicato al governo spagnolo, siccome è una ONG spagnola, e ci sono tanti sindaci spagnoli pronti ad accogliere una ONG spagnola. Anche perché sono fermi da 8 giorni a 30 miglia da Lampedusa e in 8 giorni sarebbero andati e tornati a Ibiza o a Formentera 3 volte. Ritengo, quindi, che questi 120 migranti abbiano tutto il diritto di essere sbarcati o a Ibiza o a Formentera.