Robert Pattinson era sul set di Batman quando l'emergenza Coronavirus ha causato l'interruzione delle riprese. Da allora, l'attore si trova a Londra e sta trascorrendo il lockdown in compagnia della sua fidanzata, la modella e attrice Suki Waterhouse. I due vivono in un appartamento che la produzione del film Batman ha preso in affitto per loro. Dalla quarantena, Pattinson ha rilasciato un'intervista a GQ.

Il lockdown di Robert Pattinson

L'attore ha ammesso candidamente di avere sempre avuto poco senso del tempo e in questo strano periodo lo avrebbe perso del tutto: "Spesso le persone si lamentano di questo con me. Non ho senso del tempo. Qualcosa accaduta 2 anni fa, posso avere la sensazione di averla vissuta una settimana fa". L'attore si è reso conto di trascorrere le sue giornate senza fare quasi niente. Al contrario, la collega Zoë Kravitz – anche lei nel cast di Batman – gli avrebbe assicurato che si allena cinque giorni a settimana. Per lui, in fondo, non è una grande novità starsene chiuso in casa. Spesso è stato costretto a farlo per sfuggire ai paparazzi o per isolarsi e non lasciarsi rovinare la giornata dal gossip che circola sul suo conto: "Trascorro così tanto tempo da solo, perché sono quasi sempre costretto a farlo e quindi non riesco davvero a ricordare come sarebbe non avere questo tipo di stile di vita". Solo confrontandosi con amici e familiari in questi giorni, si è reso conto di quanto possa essere duro l'isolamento: "Mi sono reso conto che sono tutti così vulnerabili in isolamento, è scioccante". Come trascorre le sue giornate? Facendo ricerche inutili su Google:

"Ieri ho cercato su Google come scaldare la pasta nel microonde. L'ho cercato anche su YouTube. Basta metterla in una scodella e poi nel microonde. Ecco come si scalda la pasta. Il risultato è veramente rivoltante. Ma chi avrebbe pensato che il microonde rendesse la pasta così disgustosa?".

Segue una dieta per interpretare Batman

Robert Pattinson, poi, ha dichiarato che decidere cosa mangiare ogni giorno è un problema che non gli appartiene. Ha ricevuto una dieta a cui attenersi per prepararsi a interpretare il personaggio di Batman. Se non avesse avuto quella, si sarebbe limitato a mangiare ciò che gli capita:

"Sto seguendo una dieta per Batman. Grazie a Dio. Non so come avrei fatto altrimenti. Ma al di là di questo, so come fare per sopravvivere. Mangerei avena con una polvere proteica alla vaniglia. Va mischiata a malapena. È estremamente facile. Mangerei cibi in scatola e altre cose simili. Metterei il Tabasco sul tonno e lo mangerei direttamente dalla lattina".

Robert Pattinson ha paura di essere arrestato

Robert Pattinson ha parlato, infine, della sua evoluzione negli ultimi anni. Oggi ha 33 anni e fino ai 20, ogni sua giornata era caratterizzata da "paure e incertezze". Poi tutto è cambiato: "Penso di essere solo maturato. Non sento più di dover dimostrare qualcosa. O forse sembra più divertente l'idea di farlo. Dimostrare agli altri quello che sono, oggi sembra più un gioco che un incubo". Nei mesi dell'emergenza Coronavirus, però, c'è un'altra paura che ha fatto capolino:

"Oggi sono andato a fare una corsetta al parco. Ero così terrorizzato all'idea di essere arrestato. È concesso correre in questa zona, ma il terrore che ho avvertito era estremo. Tornare a uscire quando tutto sarà finito? Quella potrebbe essere la parte più difficile".