Non c'è persona che almeno una volta nella vita non si sia trovata a vedere anche solo qualche minuto di Sister Act, una delle commedie musicali americane più citate, cantate e divertenti di sempre, con un'eccezionale Whoopi Goldberg, indimenticabile con gli abiti monacali. Dopo il successo dei primi due film, spesso si è pensato di farne un terzo, ma il progetto non si è mai davvero realizzato, almeno fino ad ora che la protagonista ha annunciato un possibile ritorno sul set.

La conferma sul sequel del film

Ospite al Late Late Show with James Corden, l'attrice ha parlato dei nuovi progetti che la vedranno impegnata nei prossimi mesi, sarà infatti protagonista della serie tv distopica L’ombra dello scorpione firmata dalla CBS e in arrivo a dicembre, inoltre ha prestato la voce a due film d’animazione: il televisivo Fairy Tale Forest pronto e in attesa di una data di uscita e Pierre the Pigeon-Hawk attualmente in pre-produzione. Ma la fatidica domanda su un possibile sequel di Sister Act è arrivata e Whoopi Golderbeg, mostrandosi piuttosto entusiasta, ha così risposto: "Per molto tempo hanno continuato a dire che nessuno voleva vederlo. E poi, abbastanza recentemente, si è scoperto che potrebbe non essere vero: le persone potrebbero volerlo vedere. Quindi, stiamo lavorando diligentemente per cercare di capire come mettere in piedi la storia…riunire la banda e tornare. Ascolta, è un film davvero divertente. È divertente e ci si sente bene e sai, nessuno è arrabbiato, sai, si canta bene, e poi cantare con delle suore. Cosa c’è di meglio? Niente". 

Il successo di Sister Act

Il film conquistò l'approvazione del pubblico fin da subito e, nel 1992 quando comparve al cinema, sbancò letteralmente al botteghino, incassando 231.6 milioni di dollari in tutto il mondo. Un successo clamoroso per la scapestrata Suor Maria Claretta (o meglio la cantante Deloris Van Cartier) che con la sua esuberanza, la sua voce e il suo entusiasmo riuscì a trascinare le sue "sorelle" in un'avventura senza precedenti. Anche il sequel, Sister Act 2, ebbe un grande successo, tanto nel 2001 fu realizzato anche un musical per Broadway che divenne, in pochissimo tempo, uno degli show più visti.