Lo Shanghai Disney Resort ha ufficialmente riaperto. Dopo il grande successo della vendita dei biglietti, andati esauriti in pochi minuti, la "casa di Topolino" ha celebrato nella giornata di lunedì 11 maggio 2020 la riapertura dopo una pausa di tre mesi con una cerimonia colorata ma con tutte le attenzioni del caso. Tutti con la mascherina, rispettando il distanziamento sociale e, soprattutto, in misura ridotta del 30% rispetto all'effettiva capienza del parco. Sono solo 7200 fortunati su un totale di 24mila persone circa che il parco può effettivamente contenere.

Ingressi scaglionati a orari prestabiliti

La notizia che conta è che uno dei più grandi parchi a tema del mondo asiatico è finalmente tornato in attività. Ovviamente, con gli occhi del mondo puntati addosso. Gli ingressi sono stati scaglionati a blocchi da 200 persone  con orari prestabiliti e stampati sui biglietti. Una prova generale per la riapertura di tutti gli altri parchi del mondo Disney e per la gestione dei visitatori negli spazi pubblici e privati. La riapertura dello Shanghai Disney Resort ha dato la possibilità a numerose attività presenti nella struttura di poter riaprire. Grande soddisfazione espressa dal direttore del parco Joe Schott: "Oggi siamo estremamente lieti di riaprire Shanghai Disneyland grazie agli sforzi incessanti dei nostri membri del cast e della nostra comunità".

La cerimonia di apertura

Poco prima dell'apertura delle porte c'è stata una cerimonia speciale con tutti i grandi protagonisti del mondo Disney: Topolino, Minnie, Paperino, Pippo, i supereroi Marvel, tutte le principesse Disney, i personaggi di Toy Story e di Star Wars. Un momento di festa che per un attimo ha riportato a Shanghai una straordinaria normalità. Un grande segnale anche per l'occupazione: il 19 aprile scorso, infatti, "Disney World" ha tagliato 43mila posti di lavoro, tra cui 135 italiani. Seguirà presto un nuovo piano con le riassunzioni promesse.