9 Aprile 2012
10:21

Toro scatenato avrà un sequel

Il capolavoro di Scorsese, con il grande Robert De Niro, sarà riportato in sala dal regista italo-argentino Martin Guigui. Le riprese di questo prequel/sequel inzieranno a giugno. Ma era proprio necessario?
A cura di Ciro Brandi
Robert De Niro

Hollywood ormai, si sa, è a corto d’idee e quindi preferisce raschiare il fondo del barile piuttosto che portare sul grande schermo prodotti originali. A finire nel mirino dei remake stavolta è il capolavoro di Martin Scorsese, “Raging Bull” (“Toro scatenato”), del 1980. Il film è da sempre considerato una delle opere più importanti nate dalla collaborazione tra il grande regista Robert de Niro. La pellicola s’ispirava all’autobiografia del pugile Jake LaMotta, “Raging Bull: My Story”, adattata per il grande schermo da Paul Shrader e Mardik Martin, girata quasi tutta in bianco e nero da Scorsese. De Niro è nei panni di Jake LaMotta, pugile dal carattere brusco e paranoico, cresciuto nel Bronx, che si allena forsennatamente per raggiungere i vertici della boxe, per poi subire un crollo verticale, accompagnato da vari problemi con la famiglia e gli amici. Per il suo emozionante ed intenso ruolo, l’attore ottenne il meritatissimo premio Oscar come miglior protagonista.

Il titolo del remake sarà, semplicemente, “Raging Bull II” e si baserà sempre su un libro omonimo scritto da Jake LaMotta con Chris Anderson e Sharon McGehee, ma stavolta lo sguardo della macchina da presa focalizzerà l’attenzione sul periodo della gioventù del pugile per poi spostarsi su quanto è accaduto dopo la storia raccontata dall’immenso Scorsese. In cabina di regia c’è il semisconosciuto regista italo-argentino, Martin Guigui, mentre nei panni di LaMotta (probabilmente per narrare i fatti post-Scorsese) troveremo l’attore William Forsythe, lo spietato gangster Cockeye di “C’era una volta in America”, altra pietra miliare diretta da Sergio Leone. E’ ancora presto per dire se ne è valsa la pena, dato che le riprese inizieranno a giugno e il resto del cast è ancora da definire. Di solito quando si prova a girare un sequel/remake di questa portata ci vuole una grandissima dose di coraggio, consapevolezza e, ovviamente, tantissima esperienza, per non rischiare di rovinare l’originale e impantanarsi in un pasticcio senza capo, ne coda. Di certo non vorremmo essere nei panni di Guigui, a cui facciamo i nostri complimenti per la temerarietà.

Independence Day torna nelle sale in versione 3D e avrà un sequel
Independence Day torna nelle sale in versione 3D e avrà un sequel
365 giorni - Adesso: il sequel Netflix della sexy cafonata polacca ha perso la libido
365 giorni - Adesso: il sequel Netflix della sexy cafonata polacca ha perso la libido
The Batman con Robert Pattinson avrà un sequel, la conferma di Warner Bros
The Batman con Robert Pattinson avrà un sequel, la conferma di Warner Bros
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni