Sembra incredibile, ma su Internet è montata un'enorme protesta e un colosso di Hollywood (la Paramount) sta passando un brutto periodo per colpa di un… porcospino. Parliamo di Sonic, il celeberrimo personaggio dell'omonimo e amatissimo videogioco della casa videoludica giapponese Sega, da cui è stato appena tratto un film. Ebbene, il rilascio del trailer ha scatenato una vera e propria ondata di proteste contro il design del personaggio: in particolare, non piacciono i denti molto umani né le gambe, altrettanto antropomorfizzate, che sono state date al simpatico riccio alieno. Il parere del pubblico è sovrano, ai tempi dei social network, e così la Paramount ha deciso di modificare in corsa l'aspetto di Sonic, attuando un restyling radicale.

La risposta: Sonic verrà modificato

Basta dare un'occhiata al fotoconfronto qui sopra per vedere quanto Sonic è stato cambiato rispetto al design originale che risale al lontano 1991. Dopo la bufera scatenatasi sul web, è intervenuto su Twitter il regista del film Jeff Fowler, che si è preso carico del diffuso malcontento e ha garantito che il riccio blu verrà ridisegnato. Una sonora stangata per gli animatori, costretti a fare il doppio lavoro.

Grazie per il supporto. E le critiche. Il messaggio è forte e chiaro. Non vi piace il design e volete dei cambiamenti. È quello che succederà. Tutti, a Paramount e a Sega, siamo totalmente impegnati a rendere questo personaggio il migliore possibile.

Sonic il film, la trama e il cast

Non sarà facile per "Sonic. Il film" ("Sonic the Hedgehog" in originale) rispettare i tempi, considerato che la data di uscita sarebbe fissata per l'8 novembre negli Usa (e per il 21 in Italia). Non si tratta di una pellicola totalmente animata, bensì a "tecnica mista", con attori in carne e ossa. I volti principali sono quelli di Jim Carrey, nei panni del cattivo Ivo Robotnik, e di James Marsden in quelli di Tom Wachowski. Quest'ultimo è uno sceriffo che si trova ad aiutare il riccio extraterrestre più veloce della luce contro il suo acerrimo nemico Robotnik. Non si tratta certo della prima volta che un personaggio animato scatena l'ira dei detrattori (pensiamo all'odiatissimo Jar Jar Binks di "Star Wars"), ma la decisione da parte di una major hollywoodiana di accogliere la richiesta dei fan rappresenta senz'altro un precedente importante.