Mancano pochi giorni all’uscita nelle nostre sale di “Bohemian Rhapsody”, il travagliato biopic musicale di Bryan Singer (“I soliti sospetti”, “X-Men”, “Il cacciatore di giganti") con protagonista un grandioso Rami Malek. La pellicola segue la storia dei Queen, fenomenale band capitanata dal compianto Freddie Mercury (Malek), dalla loro nascita, nel 1970, fino allo storico concerto Live Aid, del 1985, tenutosi al Wembley Stadium, dove il gruppo si riconfermò come uno dei più grandi in assoluto della storia della musica di sempre. Con Malek, nel cast ci sono, tra gli altri, Ben Hardy, Joseph Mazzello, Gwilym Lee, Allen Leech e Lucy Boynton.

Anthony McCarten si è occupato della sceneggiatura mentre la direzione della fotografia è stata affidata a Newton Thomas Sigel. John Ottman, invece, ha curato il montaggio ma è anche l’autore delle musiche. Riguardo la colonna sonora, i fan saranno contenti di sapere che la produzione è riuscita ad ottenere i diritti per inserire alcuni pezzi immortali della band come "We Will Rock You", "Another One Bites the Dust", "You're My Best Friend", "Fat Bottom Girls" e la stessa "Bohemian Rhapsody". Le scenografie sono opera di Aaron Haye e i costumi e il trucco, parte importantissima della pellicola, sono stati affidati rispettivamente a Julian Day e Charlie Hounslow. Tra i produttori, oltre allo stesso Singer, spiccano i nomi di Robert De Niro, Brian May e Roger Taylor, cioè il chitarrista e il batterista dello storico gruppo. “Bohemian Rhapsody” sarà distribuito in Italia, da 20th Century Fox, a partire dal prossimo 29 novembre.

La trama

Il film celebra la storia dei Queen e del frontman Freddie Mercury, che ha sfidato gli stereotipi e le convenzioni per diventare uno dei più amati intrattenitori del pianeta. La pellicola racconta la loro incredibile ascesa attraverso le straordinarie e iconiche canzoni che accompagnano la vita spericolata di Mercury. Tra picchi altissimi e cadute clamorose, la band si ritrovò unita più che mai al trionfale concerto Live Aid, nel luglio del 1985, dove Mercury affrontò la sua malattia guidando la band in una delle più grandi performance nella storia della musica moderna, cementando l'eredità di una gruppo che era sempre più simile a una famiglia, e che continua ad ispirare le nuove generazioni, i sognatori e gli amanti della musica.

Il cast

Rami Malek (Freddie Mercury) è diventato noto presso il grande pubblico grazie alla serie “Mr. Robot”, per cui ha ricevuto anche un Emmy e due nomination ai Golden Globe. Ben Hardy (Roger Taylor, batterista del gruppo), invece, ha raggiunto il successo col ruolo di Peter Beale nella soap opera “EastEnders”, ma lo abbiamo visto anche nei panni di Angelo nel film “X-Men – Apocalisse”, diretto sempre da Bryan Singer. Joseph Mazzello (John Deacon, bassista del gruppo), nel 1993, ha interpretato il ruolo di Timothy Murphy in “Jurassic Park”, di Steven Spielberg, ma lo abbiamo visto anche ne “Il mondo perduto”(1997); “Quando meno te lo aspetti”(2004), di Garry Marshall; “The Social Network”(2010), diretto da David Fincher e “G.I. Joe – La vendetta”(2013), di Jon M. Chu. Infine, Gwilym Lee (Brian May, chitarrista del gruppo) ha girato le serie “L’Ispettore Barnaby” e “Jamestown” mentre per il grande schermo ha girato “The Tourist”(2010), di Florian Henckel von Donnersmarck. Il resto del cast è composto da: Lucy Boynton (Mary Austin, compagna di Mercury), Allen Leech (Paul Prenter,manager personale di Freddie), Aaron McCusker (Jim Hutton, fidanzato di Mercury), Aidan Gillen (John Reid, primo manager dei Queen), Tom Hollande (Jim Beach, secondo manager dei Queen), Mike Myers (Ray Foster), Dermot Murphy (Bob Geldof), Adam Rauf (Freddie Mercury da bambino), Meneka Das (Jer Bulsara, madre di Mercury) e Ace Bhatti (Bomi Bulsara, padre di Mercury).

Le curiosità sul film che dovete sapere

1. Il film è stato proiettato, in anteprima mondiale, il 23 ottobre 2018 a Londra, alla Wembley Arena, proprio di fronte al Wembley Stadium dove si tenne il celebre concerto Live Aid. L’incasso è stato devoluto alla Mercury Phoenix Trust che combatte l'AIDS in tutto il mondo.

2. In Malaysia, la pellicola è stata fortemente censurata, subendo un taglio di circa 25 minuti. Sono state eliminate le scene del video di “I Want To Break Free” e quelle relative alla sfera sessuale del leader Freddie Mercury, snaturando quindi tutto il progetto e vietandolo comunque ai minori di 18 anni.

3. Rami Malek ha lavorato assiduamente con la coreografa britannica Polly Bennett per perfezionare ogni sfumatura dei manierismi di Freddie, quindi lo sguardo, i movimenti del corpo e anche l’uso del microfono. Tutto doveva essere riprodotto in maniera certosina per non deludere i fan.

4. Rami Malek mandò un video in cui cantava ai membri dei Queen. Quando, finalmente, ebbe l’opportunità di incontrarli, questi non avevano mai visto la sua registrazione. Malek la vide assieme a loro per la prima volta e poté quindi vedere in tempo reale anche la reazione alla sua esibizione.

5. La voce di Freddie nel film, nelle parti in cui canta, è del cantante canadese Marc Martel, mixata in alcune parti a quelle di Mercury e Malek.

6. Nel dicembre del 2017, la 20th Century Fox licenziò il regista Singer per un'assenza ingiustificata di una settimana che bloccò, quindi, le riprese. Al suo posto, fu assoldato Dexter Fletcher per terminare le riprese. Ma nel giugno 2018 fu annunciato che l’unico regista accreditato alla regia sarebbe stato comunque solo Singer.

7. Sacha Baron Cohen era stato la scelta originaria della produzione per il ruolo di Mercury, con Stephen Frears alla regia. L’attore, però, ha abbandonato il progetto per divergenze creative con Brian May e Roger Taylor.  Ai membri dei Queen non sarebbe piaciuta la sceneggiatura scritta da Stephen J. Rivele and Christopher Wilkinson, perché non dava spazio agli altri membri della band e, soprattutto, alla loro storia dopo la morte di Mercury. A Cohen, invece, sarebbe interessato molto dare più visibilità ai lati “promiscui” della vita privata del frontman. Alla fine, quindi, non si è arrivati ad alcun compromesso.

8. Joseph Mazzello, nel film John Deacon, bassista del gruppo, ha usato ben 5 diverse parrucche e ha dovuto fare anche la permanente per somigliare il più possibile al vero musicista.

9. John Reid aveva solo 26 anni quando è stato ingaggiato come primo manager dei Queen invece, l’attore che lo interpreta nel film, Aidan Gillen, ne ha 50.

10. Il film ha già incassato più di 400 milioni di dollari, partendo da un budget di 52, nei paesi in cui è già uscito.