Manca poco, ormai, all’uscita nelle nostre sale de "La bambola assassina"(“Child’s Play”), reboot dell’omonimo cult del 1988 firmato da Tom Holland e che ha generati una marea di sequel. Stavolta, in cabina di regia c’è il norvegese Lars Klevberg e la trama resta, più o meno, simile a quella del capitolo originale. Il regista, infatti, racconta la storia di Karen (Aubrey Plaza), una mamma che regala a suo figlio Andy (Gabriel Bateman), un pupazzo giocattolo, chiamato Chucky. Presto, però, si verificheranno strani eventi causati dallo stesso bambolotto, in realtà un’incarnazione del male pronta ad uccidere chiunque gli si pari davanti. Chucky, nella versione originale, è doppiato da Mark Hamill e nel cast ci sono anche Brian Tyree Henry, Tim Matheson, Ty Consiglio e Nicole Anthony.

Tyler Burton Smith ha scritto la sceneggiatura di questo reboot mentre la direzione della fotografia è stata affidata a Brendan Uegama. Il montaggio è stato curato dalla coppia formata da Tom Elkins e Julia Wong invece Doug Girling e Jori Woodman si sono occupati, rispettivamente, delle scenografie e dei costumi. Bear McCreary ha composto tutte le musiche e i geniacci di MasterFX hanno creato tutti gli effetti speciali, col supporto di Pixomondo per la parte CGI. Prodotto da David Katzenberg, Seth Grahame-Smith, “La bambola assassina” sarà distribuito al cinema da Koch Media e Midnight Factory a partire dal prossimo 19 giugno.

La trama

Karen è una giovane madre che, dopo aver traslocato e per far sentire più a suo agio il figlio Andy, decide di regalargli Chucky, un bambolotto giocattolo tecnologicamente avanzato. Entrambi, però, non sono consapevoli della sua natura malvagia, pronta a liberarsi di chiunque gli si pari davanti. Quando se ne accorgeranno, l’unica soluzione sarà quella di liberarsi del pupazzo cercando di salvare la propria pelle.

Il cast

Gabriel Bateman (Andy Barclay) ha già girato gli horror “Annabelle”(2014),Lights Out – Terrore nel buio”(2016) ma l’abbiamo visto anche nelle serie tv “Grey’s Anatomy”(2014), “Stalker”(2014-2015), “American Gothic”(2016), “Outcast”(2016-2017) e “Il pericoloso libro delle cose da veri uomini”(2018). Aubrey Plaza (Karen Barclay), invece, è famosa soprattutto per il ruolo di April Ludgate nella serie “Paks and Recreation” ma l’abbiamo anche visto nei film “Nonno scatenato”(2016) e “The Little Hours”(2017), diretto da Jeff Baena. Il resto del cast è formato da: Brian Tyree Henry (Detective Mike Norris), Tim Matheson (Henry Kaslan), Marlon Kazadi (Omar Norris), Ty Consiglio (Pugg), Beatrice Kitsos (Falyn), Anantjot S. Aneja (Chris), Nicole Anthony (Detective Willis), Carlease Burke (Doreen), Amber Taylor (figlia di Shane), Kenneth Tynan (Jonga Burger Dude), Michael Bardach (vagabondo) e JC Meredith (tassista).

Le curiosità sul film che dovete sapere

1. Don Mancini, il creatore dei personaggi e della serie originali, non è stato coinvolto in questo reboot e, assieme a Jennifer Tilly, Alex Vincent e Christine Elise (presenti nel capitolo originale), ha espresso il suo totale disinteresse.

2. In USA, il film uscirà lo stesso giorno di “Toy Story 4”, altra pellicola in cui si parla di “giocattoli viventi” appartenenti ad un bimbo di nome Andy.

3. Nessun attore o membro della produzione del film del 1988 è presente in questo reboot.

4. Il film del 1988 ha avuto ben 6 sequel: “La bambola assassina 2”(1990), “La bambola assassina 3”(1991), “La sposa di Chucky”(1998), “Il figlio di Chucky”(2004), “La maledizione di Chucky”(2013) e “Il culto di Chucky”(2017).

5. In questo film ci sono anche dettagli narrativi relativi al padre di Andy che nella pellicola del 1988 non ci sono. Nel film di Holland, però, c’era una scena eliminata in cui Andy mostrava una cornice con la foto del padre morto in un incidente d’auto.

6. Nel reboot, Andy Barclay è decisamente più grande rispetto al piccolo protagonista della pellicola di Holland, in cui aveva circa 6 anni. Inoltre, nella versione del 2019, Andy ha un problema all’udito che gli impedisce di ascoltare bene.

7. Mark Hamill, in precedenza, ha già prestato la voce a Chucky nell’episodio “Plastic Buffet” di “Robot Chicken”.

8. Nel film, Chucky è un giocattolo tecnologicamente avanzato, connesso ad un APP, e la cui Intelligenza Artificiale non ha limiti dell’apprendimento ma anche alla violenza.

9. Al posto della società Play Pals, del primo film, stavolta ci sono le Kaslan Industries, produttrici delle bambole Buddi. A differenza della prima, le Kaslan sono industrie di elettronica avanzata e produttrici anche di droni, accessori per fotocamere e software.

10. Il compositore Bear McCreary ha rivelato che, inizialmente, stava creando la musica del film con un’orchestra fatta parzialmente di strumenti giocattolo, ma poi l’operazione si è rivelata più difficile del previsto.