Era il 2011 quando il romanzo di  E. L. James "Cinquanta sfumature di grigio" approdava sul mercato editoriale, sconvolgendo le donne di mezzo mondo. Seguirono altri due volumi. La trilogia raggiunse numeri di vendita da capogiro. Si parla di 125 milioni di copie vendute in 52 Paesi. Gran parte del successo è da attribuire al personaggio di Christian Grey. Il dominatore, la cui strada si incrocia con la pura e innocente Anastasia Steele. Il risultato? Una relazione esplosiva, fatta di contratti, sesso sadomaso e anche un pizzico di romanticismo. A febbraio del 2015 è arrivato nelle sale l'adattamento cinematografico del romanzo. Così, quel personaggio potente e affascinante che aveva assunto tante forme diverse, quante sono le fantasie di ciascuna lettrice, ha ottenuto finalmente una fisicità. Ad interpretare il dominatore, dopo una serie di proposte, ripensamenti e rifiuti, è spettato a Jamie Dornan. Da allora, Christian Grey è stato identificato con il suo corpo e il suo sguardo. Ma si sa, la realtà è spesso ben lontana dalla magia del grande schermo. Se Grey è un uomo potente, sicuro di sé, ambizioso e con tanta voglia di sperimentare nel sesso, Jamie Dornan è l'esatto opposto. L'attore è squisitamente umano.

Ha imparato come si cammina dopo i 30 anni

In un'intervista rilasciata a  The Graham Norton Show, Jamie Dornan ha fatto sapere di avere uno strano complesso che riguarda la sua camminata: "Ho sempre avuto un complesso sul modo in cui cammino. In tanti mi dicevano che camminavo male. Lo facevo in punta di piedi e ciò mi portava quasi a saltellare. Mentre giravamo 50 sfumature di grigio, ho preso delle lezioni di ballo per preparare una scena ma mi trovavo davvero in difficoltà. L'istruttore mi disse: "Comportati come se stessi camminando". Ma io non ci riuscivo. Eppure, avevo più di 30 anni e la prima cosa che impari nella vita è camminare. L'insegnante, allora, mi ha detto: "È semplice, prima il tallone, poi la punta". E io ho esclamato: "Nessuno me lo aveva mai spiegato". Io camminavo sempre sulle punte. Ora applico quell'insegnamento ogni giorno".

Teme di essere ucciso dai fan di 50 sfumature di grigio

Se Christian Grey appare in totale controllo della sua vita, Jamie Dornan – come ogni essere umano – ha le sue paure. L'attore, ad esempio, ha temuto di essere ucciso dai fan di 50 sfumature di grigio, perché delusi dal fatto che il ruolo del dominatore fosse spettato a lui. Intervistato da Details Magazine ha dichiarato: "Ho paura di essere ucciso come John Lennon da uno di quei pazzi fan alla premier. Molte persone sono davvero arrabbiate per il fatto che io interpreti questo personaggio. E adesso sono un padre e un marito. Non voglio morire ancora".

La sua insicurezza aumenta quando si rade la barba

Per Jamie Dornan, il set di 50 sfumature di grigio è stata una dura prova. Ha dovuto confrontarsi, infatti, con tante sue insicurezze. L'attore, ad esempio, non ama affatto il suo viso. In un'intervista rilasciata a The Guardian ha spiegato che si tratta di un complesso acquisito quando era ancora un ragazzino. Le amiche di sua sorella, vedendo il suo viso "da bambino" erano solite dirgli "Sei così adorabile". La cosa non lo rendeva particolarmente entusiasta: "Lo odiavo, se sei un adolescente con una faccia da bambino, l'ultima cosa che vuoi sentirti dire è che sei adorabile". Così, appena ha potuto, si è fatto crescere la barba. Il personaggio di Christian Grey, però, prevedeva un viso perfettamente liscio: "Mi sentivo così a disagio. Quando non ho la barba mi muovo anche in modo diverso, non mi sento me stesso".

Sesso sadomaso? No, grazie

Se Christian Grey ama il sesso condito con una certa dose di "violenza", nei momenti di intimità Jamie Dornan preferisce ricorrere a vie più tradizionali. Intervistato da Glamour ha ammesso: "Alcune delle cose che io e Dakota abbiamo fatto nella Stanza Rossa mi mettevano a disagio. C'erano dei momenti in cui Dakota era quasi completamente nuda e dovevo farle cose che nella vita ho scelto di non fare mai ad una donna".

Non si è mai piaciuto, si reputa scheletrico

In un'intervista rilasciata a Independent ha ammesso di avere tante inibizioni riguardo al suo corpo. Le sue parole sono state: "Ho tantissimi complessi sul mio aspetto fisico. Oggi ho le stesse insicurezze che avevo quando ero un ragazzino. Quando mi guardo allo specchio, vedo solo un uomo scheletrico e non mi piace. Ho avuto a disposizione solo quattro settimane per prepararmi per il ruolo di Christian Grey. Mi sarebbe piaciuto avere più tempo. Ma comunque penso che non sarò mai felice del mio aspetto".