11 CONDIVISIONI

“Che strano chiamarsi Federico!”: Il maestro Scola racconta il suo amico Fellini

Ettore Scola ha presentato il suo ultimo gioiello alla Mostra del Cinema di Venezia e ha commosso tutti. Il diario del maestro ripercorre le tappe dell’amicizia che lo legava al grande Fellini, ma diventa anche un clamoroso omaggio alla storia del cinema italiano, quello autentico.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Ciro Brandi
11 CONDIVISIONI
Immagine

E’ stato appena presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, fuori concorso, alla presenza del Presidente Napolitano e ha emozionato tutti. Il film documentario omaggio del maestro Ettore Scola al grande Federico Fellini è fatto di materiale di repertorio, pezzi di film, interviste nei luoghi della loro gioventù, riprese fatte a casa di Fellini e al mitico Studio 5 di Cinecittà. Scola ha voluto dipingere uno straordinario quadro del suo amico, assieme alle sue figlie Paola e Silvia, per riportare in vita quel mito mai tramontato, raccontando la loro amicizia iniziata negli anni Cinquanta al giornale “Marc’Aurelio” e proseguita fino alla morte di Fellini. E’ una sorta di diario che ripercorre – ricorrendo anche alla fiction – le tappe di uno dei più grandi registi di sempre e dell’intero cinema italiano, narrato dalla splendida voce di Vittorio Viviani e pieno di vecchie glorie come Alberto Sordi, Marcello Mastroianni, Vittorio Gassman, Anna Magnani. Quel cinema che tutto il mondo c’invidia. Durante la proiezione a Venezia, Ettore Scola ha ricevuto il premio Jaeger-LeCoultre to the Filmmaker 2013 per il segno indelebile che ha lasciato nel cinema contemporaneo. Correte al cinema, a partire dal 12 settembre, per non perdere questo capolavoro italiano.

11 CONDIVISIONI
Che strano chiamarsi Federico - Scola racconta Fellini, il backstage
Che strano chiamarsi Federico - Scola racconta Fellini, il backstage
Venezia 70 omaggia tre maestri del cinema italiano: Pasolini, Fellini e Bertolucci
Venezia 70 omaggia tre maestri del cinema italiano: Pasolini, Fellini e Bertolucci
Ettore Scola: "Fellini era come Pinocchio"
Ettore Scola: "Fellini era come Pinocchio"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views