Nel 2014, usciva nelle sale “Il ricco, il povero e il maggiordomo”, diretto da Aldo, Giovanni e Giacomo con Morgan Bertacca. Naturalmente, il trio è anche al centro della storia incentrata su Giacomo è un ricco e spregiudicato broker di Milano che vive col suo fido maggiordomo è Giovanni, cultore di arti marziali. Aldo, invece, è un venditore abusivo che vive ancora con la madre e allena una squadretta di calcio di bambini. Un giorno, durante una rocambolesca fuga dai vigili, Aldo viene investito in auto da Giovanni e Giacomo, che gli propongono un risarcimento in cambio di qualche lavoretto in villa e Aldo accetta. Purtroppo, un improvviso tracollo finanziario manda sul lastrico Giacomo che, col maggiordomo, è costretto a trasferirsi a casa di Aldo. Giacomo ha già in mente un altro progetto ma per attuarlo devono chiedere un prestito in banca che, nelle loro condizioni, è quasi un’utopia. Il film ha avuto un enorme successo ma ci sono 5 cose che ancora non sapevate.

1. L’entusiasmo e i ricordi di Francesca Neri

Francesca Neri nel film à la direttrice della Banca, Assia, un ruolo piccolo ed inedito di cui si è detta entusiasta. La Neri, infatti, ha dichiarato di esserci trovata benissimo col famoso trio e che quest’esperienza le ha ricordato gli inizi della sua carriera, quando ha avuto l’occasione di lavorare con Massimo Troisi e Carlo Verdone.

2. 65 location

Il film è stato girato in ben 65 location in giro per Milano e dintorni. Tra i vari luoghi, ci sono la Diamond Tower, poi via Bronzetti dove si trova la casa di Aldo e il comune di Imbersago, in provincia di Lecco, dove si trova la villa di Giacomo.

3. La forte presenza femminile

Rispetto a tutti i loro film precedenti, ne “Il ricco, il povero e il maggiordomo” c’è una forte presenza femminile. Nel cast, infatti, ci sono Giuliana Lojodice, Francesca Neri, Sara D'Amario, Rosalia Porcaro, Guadalupe Lancho e Chiara Sani

4. Il parallelo con “Il capitale umano” di Virzì

Durante la conferenza stampa del film, il trio ha negato il parallelo netto con il pluripremiato “Il capitale umano”(2013), di Paolo Virzì, anche se proprio Giacomo ha dichiarato che la loro commedia è accostabile al film del regista toscano perché tratta più o meno gli stessi temi ma in maniera comica e decisamente più leggera.

5. Incassi record

“Il ricco, il povero e il maggiordomo”, nelle prime 4 settimane di programmazione, ha incassato 13 milioni di euro, di cui 2.3 solo nel primo weekend. Il film è risultato il secondo miglior incasso tra quelli usciti in Italia durante le feste natalizie del 2014, dietro “Lo Hobbit – La battaglia delle cinque armate”.