Chad Stahelski, nel 2017, portava nelle sale “John Wick – Capitolo 2”, sequel di “John Wick”, del 2014, che incassò circa 86 milioni di dollari, a fronte di un budget di 20. Stavolta, il letale sicario è costretto a tornare in azione, per aiutare un suo collega a liberarsi di una pericolosissima banda di assassini. Wick partirà alla volta di Roma, più agguerrito che mai. Nel film tornano Ian McShane, John Leguizamo, Bridget Moynahan, Thomas Sadoski e Lance Reddick, ma ci sono anche le new entry italiane Riccardo Scamarcio, Claudia Gerini, Franco Nero, ai quali si aggiunge il grande Laurence Fishburne. La pellicola ha incassato più di 170 milioni di dollari e, in attesa del terzo capitolo, ecco 5 curiosità che non sapevate.

1. Keanu Reeves ha girato il 95% delle scene più pericolose

Per prepararsi al ruolo, Keanu Reeves si è allenato per tre mesi per imparare il judo e la jiu-jitsu brasiliana e si è esercitato al poligono. L’attore non ha voluto la controfigura e, infatti, ha voluto girare personalmente il 95% delle scene più pericolose. Le uniche due parti che hanno richiesto la sostituzione sono quelle in cui John Wick viene colpito da una macchina e quella in cui cade dalle scale durante il combattimento con Cassian (Common).

2. Le riprese a New York e a Roma

Il film è stato girato a New York e a Roma. Nella Capitale, le riprese si sono svolte al Grand Hotel Plaza, alla Galleria di Arte Moderna, agli Horti Sallustiani, alle Terme di Caracalla e a Piazza Navona.

3. Il personaggio di Ruby Rose ha il nome del Dio della Guerra

Il nome del personaggio di Ruby Rose, la cattivissima Ares, non è mai pronunciato nel film, ma lo vediamo solo in una foto mostrata all’inizio. Nella mitologia greca, Ares è il Dio della Guerra, figlio di Zeus ed Era.

4. Una carneficina da 116 morti

Nel film ci sarà una vera e propria carneficina dato che i morti accertati, alla fine, saranno ben 116.

5. La reunion tra Neo e Morpheus

Chad Stahelski ha riformato la celeberrima della trilogia di “Matrix”, Keanu Reeves e Laurence Fishburne, che recitavano nei panni di Neo e di Morpheus. I due, quindi, tornano a lavorare assieme a 16 anni di distanza dall’ultimo capitolo della saga, “Matrix: Revolutions”, uscito nel novembre del 2003.