Dopo un lungo casting, la parte di Anastasia Steele se l'è aggiudicata lei, con quel visino da ragazza della porta accanto e poche esperienze recitative alle spalle. Per Dakota Johnson, il ruolo da protagonista in "50 sfumature di grigio" (in sala dal 12 febbraio) sarà certamente un bel trampolino di lancio, ma non tutte le attrici avrebbero accettato una parte che implichi un così alto numero di scene erotiche, comprensive di pratiche bondage e sadomaso. Come ha fatto la giovane figlia degli attori Melanie Griffith e Don Johnson (quello della mitica serie tv "Miami Vice") ad affrontare le sequenze più torride ed estreme? La risposta è stata data dalla stessa Johnson al settimanale "Gioia" che l'ha intervistata:

Il mio segreto è che non provo vergogna. Non ho nessun problema, io posso fare qualsiasi cosa.

Sebbene la regista Sam Taylor-Johnson abbia già dichiarato che alcune scene particolarmente perverse del libro non sono state incluse nel film, è dunque lecito attendersi un film ad altissimo tasso erotico. La Johnson ha dimostrato di essere tutt'altro che pudica già nel video superhot di "Earned It", canzone di Weeknd inclusa nella colonna sonora del film, di cui è la sensualissima protagonista, praticamente senza veli. A proposito dell'audace relazione tra la sua Anastasia e il tenebroso Mister Grey interpretato da Jamie Dornan, Dakota ha affermato di riuscire a vederne il lato romantico, senza pregiudizi sulle scelte sessuali della coppia:

Leggendo il libro, la mia curiosità, più che alle scene di sesso andava alla storia d’amore, al modo in cui ognuno dei due scopre gradualmente l’altro. Ciascuna di noi, in fondo, desidera essere Ana, la ragazza normale che conquista un uomo così difficile. E accetta il tipo di relazione che lo rende felice, e se questo include il sadomaso, perché no.