Il film "Super Vacanze di Natale", miscellanea che unisce spezzoni provenienti da ben 33 cinepanettoni, è un'operazione che sta facendo discutere prima ancora dell'uscita in sala. La pellicola, prodotta da Aurelio De Laurentiis ed esclusivamente composta di scene già esistenti (selezionate da Paolo Ruffini) uscirà il 14 dicembre, in concorrenza con "Poveri ma ricchissimi" con Christian De Sica e "Natale da chef" con Massimo Boldi. In attesa del giudizio del pubblico, sono proprio gli attori che hanno fatto la storia del genere a scagliarsi contro De Laurentiis: al settimanale Chi, Christian De Sica è durissimo contro il produttore, che non l'avrebbe mai interpellato prima dell'annuncio del film.

“Super vacanze di Natale”? Ci sono rimasto male perché Aurelio (De Laurentiis, ndr) neanche ci ha avvertito, dopo 32 anni poteva dircelo. Io non ho neanche visto il film perché è proprio una sciocchezza, quegli spezzoni si possono vedere gratis su Youtube, basta digitare “The best of Christian De Sica” o “The best of Massimo Boldi”.

Christian De Sica disponibile alla reunion con Boldi

Insomma, "Super Vacanze di Natale" non parte certo sotto i migliori auspici. L'impressione è che il produttore romano abbia voluto giocare al risparmio, con un prodotto a costo quasi zero che farà leva sull'effetto nostalgia e sulla passione dei fan per il filone dei cinepanettoni. Già alle scorse Giornate del Cinema di Riccione, fu Neri Parenti a spiegare come De Laurentiis abbia avuto la possibilità di mandare in sala tale film-collage senza il permesso dei registi e attori coinvolti, in virtù di "contratti capestro". De Sica ribadisce comunque che, se interpellato, avrebbe espresso contrarietà al progetto, e conferma di essere disponibile a una futura reunion con Massimo Boldi:

Ho sempre detto che, se ci fosse stata una buona idea, avremmo potuto tornare insieme. Ma così, senza dircelo, ha fatto una sciocchezza. Poteva chiedercelo. Gli avremmo detto di no.

Christian De Sica su Fausto Brizzi

De Sica, si diceva, sarà in sala con "Poveri ma ricchissimi", altro film che sembra essere destinato a essere soffocato dalle polemiche prima della sua uscita. Il regista è infatti Fausto Brizzi, al centro di un grave scandalo di molestie. De Sica, che di Brizzi è anche amico, commenta così quanto accaduto: "Sono molto dispiaciuto e addolorato, spero solo che le cose si chiariscano". L'attore sembra dunque difendere il regista, che comunque è stato sospeso da ogni attività con Warner e non curerà neppure la promozione del film.

Massimo Boldi ha denunciato De Laurentiis

Se De Sica critica "Super Vacanze di Natale", Boldi non resta certo a guardare. I due ex sodali sono accomunati dalla contrarietà al progetto, ma l'attore milanese ha deciso addirittura di portare in tribunale De Laurentiis accusandolo di concorrenza sleale e parlando di vera e propria "prepotenza" subita. Scopo dell'azione sarebbe addirittura bloccare la distribuzione del film in sala.

De Sica presenta l'album Merry Christian

Christian De Sica è coinvolto anche in un altro progetto natalizio, che nulla ha a che vedere con il cinema: è l'album "Merry Christian", in cui canta undici grandi classici natalizi da Jingle Bells a "Let it Snow".