14 Ottobre 2017
23:16

“Finchè c’è Prosecco c’è speranza”: il romanzo di Fulvio Ervas sbarca al cinema

Antonio Padovan porta nelle sale l’omonimo romanzo di Fulvio Ervas e come protagonista ha scelto Giuseppe Battiston. L’attore è l’ispettore Stucky, inviato sulle colline del Prosecco, in Veneto, per indagare su una serie di omicidi. L’unico indiziato sembra essere il conte Desiderio Ancillotto, che però è morto. Spetterà a Stucky sciogliere tutti i nodi.
A cura di Ciro Brandi

Antonio Padovan porta al cinema “Finchè c’è Prosecco c’è speranza”, giallo basato sull’omonimo romanzo di Fulvio Ervas, pubblicato nel 2010. Al centro della pellicola c’è Giuseppe Battiston, nei panni dell’ispettore Stucky, inviato sulle colline del Prosecco, in Veneto, per indagare su una serie di omicidi. L’unico indiziato sembra essere il conte Desiderio Ancillotto, che però è morto. Spetterà a Stucky sciogliere tutti i nodi dell’intricata vicenda. Padovan ha scritto la sceneggiatura in collaborazione con lo stesso Ervas  e Marco Pettenello  e ha voluto raccontare il fascino della terra, il conflitto tra avidità e rispetto, l’eredità della bellezza e il valore del rispetto e della qualità. Nel cast, oltre a Battiston, ci sono anche Rade Serbedzija, Liz Solari, Silvia D'Amico, Roberto Citran, Gisella Burinato, Teco Celio, Babak Karimi, Paolo Cioni e Sandro Buzzati. “Finchè c’è Prosecco c’è speranza” arriverà nelle sale dal prossimo 31 ottobre.

La trama

Campagna veneta, colline del Prosecco. Una serie di omicidi e, unico indiziato, un morto: il conte Desiderio Ancillotto, grande vignaiolo che pare essersi tolto la vita inscenando un improvviso e teatrale suicidio. Un caso apparentemente impossibile per il neo-ispettore Stucky, metà persiano e metà veneziano: appena promosso, impacciato ma pieno di talento, per risolvere il caso deve fare i conti con le proprie paure e un passato ingombrante. Sullo sfondo, tra i filari, una battaglia per la difesa del territorio e delle bollicine che anima bottai, osti, confraternite di saggi bevitori: Stucky intuisce presto che la soluzione dei delitti passa attraverso il modo di vedere la vita, e la vite, del conte Ancilotto. E che nella sua cantina, tra vetro e sughero, alcol e lieviti addormentati, si agita un mondo che non vuole scomparire ma, al contrario, rivendica un futuro.

Il cast

Gli attori che compongono il cast sono: Giuseppe Battiston (Stucky), Teco Celio  (Isacco Pitusso), Liz Solari (Celinda Salvatierra), Roberto Citran (Sergio Leonardi), Silvia D’Amico (Francesca Beltrame), Babak Karimi (Zio Cyrus), Rade Serbedzija (Desiderio Ancillotto), Gisella Burinato (Adele Toniut), Mirko Artuso (Secondo), Paolo Cioni (Landrulli), Diego Pagotto (Guerra), Vitaliano Trevisan (Proprietario Poligono), Vasco Mirandola (Dott. Sartori), Andrea  Appi (Speggiorin), Giovanni Betto (Belendi), Sandro Buzzati (GranMaestro) e Nicoletta Maragno (cameriera).

Le curiosità sul film che dovete sapere

1. Il film sarà presente alla Festa del Cinema di Roma 2017, nella sezione Alice nella Città – Panorama Italia Alice – KINO

2. Il regista Antonio Padovan è stato letteralmente rapito dal libro di Ervas mentre si trovava a New York, doveva viveva da 10 anni. Ha deciso così di tornare nella sua terra e girare il film.

3. Il film è ambientato tra le colline di Conegliano e Valdobbiadene, dove nasce il prosecco.

“Amori che non sanno stare al mondo”: Francesca Comencini porta il suo romanzo al cinema
“Amori che non sanno stare al mondo”: Francesca Comencini porta il suo romanzo al cinema
CineMust: i film da non perdere in uscita dal 31 ottobre
CineMust: i film da non perdere in uscita dal 31 ottobre
“Prima di domani”: il best seller di Lauren Olivier sbarca al cinema
“Prima di domani”: il best seller di Lauren Olivier sbarca al cinema
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni