L'Italia ha tributato l'ultimo saluto a Franco Zeffirelli, i cui funerali si sono svolti nella mattinata del 18 giugno presso la cattedrale di Santa Maria del Fiore a Firenze. Alle esequie del Maestro del cinema scomparso a 96 anni lo scorso 15 giugno sono intervenute oltre mille persone, tra personaggi noti e gente comune che ha voluto dire addio a uno dei nomi simbolo della cultura italiana e fiorentina in particolare.

I funerali sulle note di Fratello sole, sorella luna

In prima fila a dire addio al cineasta c'erano i figli adottivi Pippo e Luciano Zeffirelli. La cerimonia, officiata dall'arcivescovo di Firenze Giuseppe Betori, è terminata con un grande applauso sulle note di "Dolce sentire", il brano presente nella colonna sonora di uno dei film più celebri di Zeffirelli: "Fratello sole, sorella luna", biografia di San Francesco d'Assisi. La salma è stata poi trasportata al cimitero delle Porte Sante, dove il regista riposerà nella tomba di famiglia.

Le autorità e i personaggi presenti

Ai funerali hanno partecipato molti rappresentanti delle autorità: il ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli, il sottosegretario agli Esteri Guglielmo Picchi, il sindaco Dario Nardella, il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, il prefetto Laura Lega. Presenti anche l'imam di Firenze Izzedin Elzir, il presidente onorario della Fondazione Zeffirelli, Gianni Letta, nonché Joe Barone e Giancarlo Antognoni in rappresentanza della Acf Fiorentina, squadra di cui il Maestro era tifoso appassionato. Dal mondo dello spettacolo, non sono mancate Alice ed Ellen Kessler, viste anche al corteo funebre che era partito dal salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio ed è transitato da piazza San Firenze, dove ha sede la Fondazione intitolata al regista.

Addio all'ultimo Maestro del cinema italiano

Con la morte di Franco Zeffirelli se n'è andato quello che era forse l'ultimo regista del cinema italiano degli anni d'oro. Allievo di Luchino Visconti, amante del melodramma e del grande spettacolo, autore di tanti adattamenti cinematografici di opere liriche, ha regalato film internazionali come "La bisbetica domata" con la coppia Elizabeth Taylor-Richard Burton, "Romeo e Giulietta", "Amleto" con Mel Gibson e Glenn Close, "Jane Eyre" con Charlotte Gainsbourg e William Hurt, "Un tè con Mussolini" con Cher, Maggie Smith e Judi Dench.