17 Agosto 2014
13:36

I fan di Robin Williams: “Vogliamo che entri nel videogioco The Legend of Zelda”

Il compianto attore era un grandissimo appassionato del famoso videogame della Nintendo e, così, i fan hanno chiesto alla società giapponese d’inserire un peronaggio/tributo nel gioco, da chiamare Robin. Ma non è tutto, poichè è stata fatta un’altra petizione per inserire Williams anche in “World of Warcraft”.
A cura di Ciro Brandi

In questi giorni, i tributi al compianto Robin Williams si sprecano. Molti, però, non sanno che l’attore era un grande appassionato di videogames e, quindi, i suoi milioni di fan in tutto il mondo hanno chiesto alla Nintendo di farlo entrare a far parte del suo preferito: “The Legend of Zelda”, del 1986. La petizione é stata avviata dall’australiano Nick Schaedel e finora ha raccolto 100mila firme, in pochissime ore. I fan chiedono d’inserire un personaggio chiamato Robin come tributo al grande attore che, a sua volta, ha chiamato sua figlia Zelda, proprio come la principessa presente nel videogioco e non come la moglie dello scrittore F. Scott Fitzgerald, come molti erroneamente credono.

Nintendo risponde ai fan: “Terremo in considerazione la vostra richiesta”

La risposta della grande azienda giapponese non si è fatta attendere:

Apprezziamo l’enorme sostegno degli appassionati di giochi e presteremo attenzione alla richiesta dei fan di onorare Robin Williams, in futuro, con un gioco. Non discuteremo, in questo difficile momento, su cosa possa essere possibile in futuro per un gioco, ma terremo vicini i nostri ricordi di Robin. L’attore era amato alla Nintendo. I nostri cuori vanno alla famiglia e specialmente a Zelda Williams che ha lavorato con noi numerose volte.

Nel frattempo, Nick Schaedel ha scritto:

Non ci potrà giocare, ma vivrà in eterno in un universo che ha sempre amato

Robin Williams è stato da sempre appassionato del videogame strategico in questione, assieme al figlio Zachary, sin da quando uscì nel 1986, e nel 2011 ne è stato anche testimonial europeo. Il gioco è nato dalla mente di Shigeru Myiamoto – lo stesso di “Super Mario Bros.” – e segue le avventure del piccolo elfo Link attraverso un mondo fantastico, ricco di significati ideologici ad alto contenuto etico. Predestinato a sconfiggere un potere malvagio che si sta abbattendo sul mondo di Hyrule, l'ignaro eroe inizia un cammino che lo porterà a salvare la principessa Zelda.

Robin Williams testimonial di The Legend of Zelda
Robin Williams testimonial di The Legend of Zelda

Robin Williams: i fan propongono tributo anche in “World of Warcraft”

I fan non vogliono solo che Williams sia presente in “The Legend of Zelda”, ma si sono mobilitati anche per la creazione di un personaggio non giocatore (NPC – Non-Player Character) indirizzando una petizione alla Blizzard per il gioco “World of Warcraft” – altro suo videogame preferito – sul sito Change.org. In questi giorni, sono state raggiunte circa 10 mila firme e il messaggio principale è il seguente:

Molti hanno espresso il desiderio che questo personaggio dica alcune delle migliori battute di Williams all’interno del Worlds End Tavern, in modo che possa continuare a farci sorridere ancora dopo la sua scomparsa.

Robin Williams usava giocare sul server Mannoroth, ed era una sorta di troll di categoria nei giorni buoni o quando l’anonimato glielo consentiva. Su Twitter Chadd Nervig, un Technical Game Designer di World of Warcraft, ha ammesso di essere a conoscenza della petizione e che alla Blizzard stavano già lavorando a qualcosa. Infatti, poco dopo, sull’account Twitter ufficiale del videogame, è comparso quanto segue:

 

Robin Williams morto, sua figlia Zelda lascerà Twitter a causa degli sciacalli
Robin Williams morto, sua figlia Zelda lascerà Twitter a causa degli sciacalli
Zelda, figlia di Robin Williams, torna sul web:
Zelda, figlia di Robin Williams, torna sul web: "Mai subire in silenzio"
L'ultima foto di Robin Williams per la figlia Zelda:
L'ultima foto di Robin Williams per la figlia Zelda: "Per sempre la mia bambina"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni