I primi due episodi de “L’amica geniale”, la serie tv diretta da Saverio Costanzo, hanno ricevuto una standing ovation di quasi 10 minuti al termine della proiezione in Sala Grande al Festival di Venezia. C’era grandissima attesa attorno al progetto dato che il primo libro omonimo della scrittrice napoletana Elena Ferrante, edito da Edizioni e/o nel 2011, ha conquistato il cuore di 10 milioni di lettori in tutto il mondo, così come gli altri tre dello stesso ciclo, “Storia del nuovo cognome”(2012), “Storia di chi fugge e chi resta” e “Storia della bambina perduta”(2014). Ebbene, i primi due episodi (di otto previsti per la prima stagione) presentati in anteprima al Lido sbarcheranno anche al cinema, come evento esclusivo, ma solo per 3 giorni, precisamente il 1°, il 2 e 3 ottobre.

La storia dell’amicizia speciale tra Lenù e Lila

La storia è quella del legame d’amicizia che lega Elena “Lenù” Greco e Raffaella “Lila” Cerullo, due bambine molto diverse tra loro che vivono in un rione povero della Napoli negli anni ’50, meravigliosa ma anche molto pericolosa. Con la fine delle scuole elementari, però, il loro rapporto inizia ad allentarsi. Lila, infatti, non può permettersi di proseguire gli studi per ragioni economiche, al contrario di Lenù. Tuttavia, le loro vite continueranno ad intrecciarsi in una continua competizione, ma avendo sempre come base un grandissimo affetto e un progetto comune che potrebbe portarle via dal rione. Quando Lila svanirà nel nulla, senza lasciare tracce, Elena, ormai anziana, inizierà a scrivere e a ripercorrere la storia della loro amicizia.

Alba Rohrwacher e il resto del cast

Saverio Costanzo ha curato anche la sceneggiatura in collaborazione con la stessa Elena Ferrante, Francesco Piccolo e Laura Paoloucci mentre Paolo Sorrentino e Jennifer Schuur sono i produttori esecutivi.  Il regista ha voluto la sua compagna Alba Rohrwacher per il ruolo di Lenù e quindi anche come narratrice dell’intera produzione. L’attrice, una delle più apprezzate degli ultimi anni, ha preso parte a pellicole come “Il papà di Giovanna”, “Io sono l'amore”, “La solitudine dei numeri primi”, “Le meraviglie”, “Perfetti sconosciuti” e “In Treatment”. Ha già vinto due David di Donatello per i film “Giorni e nuvole” e “Il papà di Giovanna” e il Nastro d'Argento per “La solitudine dei numeri primi” e la Coppa Volpi e il Premio Pasinetti a Venezia per “Hungry Hearts”. Il resto del cast è stato reclutato dopo più di 8 mesi di provini, tenutisi in molte scuole della Campania perchè sia la Ferrante che Costanzo volevano solo bambini non professionisti. Alle fine delle selezioni sono state scelte Margherita Mazzucco (Elena Greco da adolescente), Elisa Del Genio (Elena Greco da Bambina), Gaia Girace (Raffaella Cerullo) e Dora Romano (maestra) ma in scena ci saranno oltre 150 attori e 5000 comparse.

Le location e la ricostruzione del Rione

Le riprese si sono svolte  nel centro storico di Napoli, a Ischia e a Marcianise ma l’opera che ha richiesto più lavoro in assoluto è stata la ricostruzione del Rione, set principale della serie. I 150 tecnici hanno dovuto costruire 14 palazzine, 5 set di interni, una chiesa e un tunnel, coprendo 20mila metri quadrati di set. Un grande lavoro è stato fatto anche sui costumi che, in tutto, sono stati circa 1500 tra creazioni fatte ad hoc per la serie e altri di repertorio.

Rai Fiction, HBO, TIMvision, Wildside, Fandango distribuiranno al cinema gli episodi nelle sale del circuito Nexo Digital mentre l’intera prima stagione sarà trasmessa da Rai Uno a partire dal prossimo 27 novembre. In realtà, sono già in pre-produzione altri 24 episodi relativi agli altri tre libri della saga e che dovrebbero vedere la luce nei prossimi anni.