20 Marzo 2015
21:05

“Il giardino dei Finzi-Contini”: il capolavoro di De Sica torna in sala restaurato

La pellicola cult del 1970, diretta da Vittorio De Sica e tratta dall’omonimo romanzo di Giorgio Bassani, vinse L’Orso d’Oro a Berlino e il premio Oscar come Miglior film straniero. Il 25 marzo tornerà in sala in una versione totalmente restaurata, voluta dall’Istituto Luce Cinecittà, e promossa da Antony Morato, in collaborazione con il magazine L’Uomo Vogue.
A cura di Ciro Brandi

Preparatevi ad un grande ritorno nella sale italiane. La data è quella del 25 marzo e il film è “Il giardino dei Finzi-Contini”, pellicola cult del 1970, di Vittorio De Sica, tratta dall'omonimo romanzo di Giorgio Bassani e vincitrice del premio Oscar come Miglior film straniero e dell’Orso d’Oro a Berlino. Il film tornerà al cinema in una versione totalmente restaurata, voluta dall'Istituto Luce Cinecittà, e promossa dal brand di moda Antony Morato in collaborazione con il magazine L'Uomo Vogue. Il restauro del film assume una forte rilevanza storica per l'importanza della memoria. Il capolavoro è stato restaurato da “Studio Cine” di Roma e da “L'immagine ritrovata” di Bologna e la proiezione in anteprima si terrà alla Casa del Cinema di Roma alla presenza dell’attore Lino Capolicchio, che nel film era Giorgio, e successivamente sarà proiettata anche a Londra, New York, Toronto, San Francisco e in Israele.

De Sica racconta amori, guerra e deportazioni

La storia è ambientata a Ferrara, negli anni che preludono la Seconda Guerra Mondiale. Siamo nel periodo in cui anche in Italia sta per partire la terribile politica antisemita. Nella meravigliosa villa dei Finzi Contini, un'antica e aristocratica famiglia ebraica, la vita scorre tra amori ed equivoci sentimentali tra i rampolli più giovani, capitanati da Giorgio (Lino Capolicchio) e Micol (Dominique Sanda). I drammi d’amore, però, vengono  presto sopraffatti da quelli storici, dalla guerra e dalle deportazioni. Il film fu un grande successo di pubblico, mentre i critici si divisero tra chi ne contestava la rappresentazione eccessivamente melensa e chi lo riteneva uno dei migliori film di De Sica. Tra le curiosità legate al film, ci sono i frequenti contrasti tra il regista e Giorgio Bassani, autore del romanzo e di parte della sceneggiature, che alla fine non volle neanche comparire nei titoli di coda; la scelta iniziale di Patty Pravo come protagonista femminile. La

I funerali di Manuel De Sica
I funerali di Manuel De Sica
533.994 di Spettacolo Fanpage
A Roma i giovani sanno chi è De Sica?
A Roma i giovani sanno chi è De Sica?
166.914 di Cultura Fanpage
Vittorio de Sica canta
Vittorio de Sica canta "Parlami d'Amore Mariu'"
1.699 di CineMust
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni