16 Marzo 2010
17:20

Il Profeta, la recensione

In uscita nelle nostre sale l’ottimo film francese di Jacques Audiard: un dramma carcerario teso, solido e coinvolgente. Da applausi.
A cura di Alessio Gradogna

un-prophete-2

In uscita nelle sale italiane Il Profeta, di Jacques Audiard, il film francese dell'anno, trionfatore assoluto ai recenti César (9 premi vinti), e nominato all'Oscar. Un dramma carcerario teso e solidissimo, basato interamente sulla figura di El Djebena, un ragazzo arabo che deve scontare sei anni di condanna. Viene trasferito in una prigione in Corsica, e all'inizio è solo, senza amici nè legami. Il boss franco-corso Luciani lo nota, e gli offre la sua protezione, a patto che il ragazzo elimini un suo nemico. L'arabo, dopo mille tentennamenti, compie l'omicidio. Da quel momento, diventa l'uomo di fiducia di Luciani, il suo aiutante personale, e parallelamente inizia la sua inarrestabile scalata al potere nel micro-universo in cui è rinchiuso.

Di drammi carcerari, nella storia del cinema, ne abbiamo visti un'infinita. Da Curtiz a Parker, da Wise a Demme, dallo splendido Darabont di Le ali della libertà fino al Refn di Bronson. Non è facile dire ancora qualcosa di nuovo su questa tematica. Eppure Audiard ci riesce, dipanando una lunga narrazione (150 minuti) nella quale tratteggia con abilità una figura enigmatica e controversa, quella di El Djebena (il bravissimo Tahar Rahim), poche parole e tanti fatti, faccia d'Angelo e anima da giovane Diavolo, sicurezza nei propri mezzi che cresce come un fiore di primavera. Lui è Il Profeta, l'insospettabile Messia, colui che poco per volta sconvolge le regole prestabilite del carcere, compiendo, passo dopo passo, un'esiziale conquista del territorio, e una rivoluzione che a suo modo minerà le fondamenta dell'intero sistema.

In una Babele di nazionalità, etnie, linguaggi, caratteri e connotazioni mafiose, Audiard mette in scena un potente romanzo di formazione, attraverso un film scattante, nervoso e coinvolgente. Praticamente perfetta la prima ora, lievemente più discontinua la seconda, per poi però risalire alla grande, e giungere a un finale strepitoso (la penultima sequenza, nel cortile della prigione, nella quale il protagonista e Luciani prendono entrambi coscienza delle loro nuove e rispettive posizioni, è da antologia).

Il consiglio di guardare i film in lingua originale vale sempre e comunque. A maggior ragione per questa pellicola, parlata in arabo, corso e francese. Se potete, vedetelo con i sottotitoli. Ne vale la pena. Eccome.

Alessio Gradogna

Premi Cesar, trionfo per Il Profeta
Premi Cesar, trionfo per Il Profeta
Nord, la recensione
Nord, la recensione
La Nana, recensione
La Nana, recensione
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni