Walter Veltroni, ex sindaco di Roma, giornalista e, da qualche anno anche apprezzatissimo regista, torna a regalarci un documentario ricco di emozioni e di messaggi positivi. Dopo i bellissimi “Quando c’era Berlinguer”(2014) e “I bambini sanno”(2015), il titolo della nuova e attesa, opera è “Indizi di felicità” ed è prodotta da Sky Cinema in collaborazione con Palomar. L’interrogativo di base del docufilm è molto semplice e d’impatto: è giusto o ancora possibile cercare di essere felici in tempi così difficili e angoscianti come quelli che stiamo vivendo ultimamente? Veltroni, naturalmente, non si perde in astratti concetti filosofici sulla felicità, ma raccoglie tantissime testimonianze di gente comune, ponendogli domande del tipo: “Qual è il suono più bello che hai ascoltato nella tua vita?” oppure “Il giorno che vorresti rivivere?” o semplicemente “Che cos’è per te la felicità?”, generando commozione, sorrisi e quella luce negli occhi che solo i bei ricordi sanno generare.

“Indizi di felicità”, un docufilm sui lati positivi della vita.

Il documentario costruisce proprio delle ipotesi di felicità, partendo dal vissuto personale, familiare, professionale delle persone intervistate: un incontro importante, l’arrivo di una notizia a lungo attesa o un momento di crisi profonda, facendoci realizzare che la felicità esiste realmente, non è un miraggio, bensì una concreta esperienza, vissuta fortunatamente in più momenti, e quindi sempre possibile. A fare da cornice musicale al docufilm, Veltroni ha scelto la canzone “La luna piena”, tratta dall’album “Il codice della bellezza”, di Samuel, scritta da quest’ultimo con la collaborazione di Lorenzo Jovanotti. “Indizi di felicità” sarà distribuito da Nexo Digital nelle sale solo per tre giorni, ossia il 22, 23, 24 maggio, quindi prenotate i vostri biglietti.