Pare che Jared Leto non abbia affatto reagito bene all'uscita del film "Joker", in cui Joaquin Phoenix gli ha "scippato" il personaggio dell'arcinemico di Batman. Lo scoop è stato svelato in un articolo dell'Hollywood Reporter, che parla di un Leto "alienato e sconvolto" già all'annuncio del film. Difficile del resto dargli torto, di fronte alla mastodontica interpretazione di Phoenix e al fascino del film firmato da Todd Phillips, che hanno oscurato del tutto la prova di Leto nei panni del supercattivo in "Suicide Squad".

Com'è nato il Joker con Joaquin Phoenix

Facciamo un passo indietro, per capire le ragioni della preoccupazione dell'attore premio Oscar per "Dallas Buyers Club". L'anno chiave è il 2016, quando uscì l'attesissimo quanto deludente "Suicide Squad" (dove, per la verità, i personaggi di Leto/Joker e Margot Robbie /Harley Quinn sono l'unico elemento interessante) e, contemporaneamente, Todd Phillips propose per la prima volta il progetto di un film interamente dedicato al villain di Batman, totalmente slegato dalla saga cinematografica Warner incentrata dell'universo Dc. Inizialmente ci fu qualche perplessità, ma alla fine i dirigenti Warner Kevin Tsujihara e Greg Silverman, apprezzando la sceneggiatura, diedero il via libera al film, offrendo carta bianca a Phillips. Martin Scorsese fu inserito nella produzione ma in un successivo momento evitò di essere incluso nei credits e tuttora non è chiaro quale sia stato il suo grado di coinvolgimento. Ironia della sorte, "Joker" è un film per nulla "fumettistico" e al contrario molto scorsesiano, con diverse citazioni di "Taxi Driver" e "Re per una notte". Ancora più ironico è il fatto che l'unico serio rivale di "Joker" agli Oscar, al momento, sembra essere proprio "The Irishman" di Scorsese, accolto con entusiasmo dalla critica americana.

La reazione di Jared Leto

Se quella tra "Joker" e "The Irishman" è una rivalità affettuosa, sembra essere meno amichevole il rapporto tra Phoenix e Leto, come racconta l'Hollywood Reporter: "Quando Tsujihara ed Emmerich hanno dato il via libera a Joker, che è costato meno di 70 milioni di dollari, Jared Leto è rimasto alienato e sconvolto di fronte a questa mossa". L'attore, infatti, doveva tornare a interpretare Joker in altri due film già annunciati, ma gira voce che entrambi i progetti (pur ancora presenti sul sto Imdb.com) siano stati cancellati. Insomma, il film con Phoenix e il grande consenso raccolto dalla sua performance potrebbero aver bloccato per sempre il percorso di Leto nella saga Warner Dc.

Il Joker tornerà? La teoria sul film con Joaquin Phoenix

Sappiamo con certezza che Leto non apparirà né in "Birds of Prey", il film incentrato su Harley Quinn, né nel nuovo "The Suicide Squad" firmato da James Gunn. Insomma, pare che diremo addio al suo Joker, che ha ricevuto un'accoglienza infinitamente meno positiva rispetto a Phoenix o agli altri attori che hanno interpretato il personaggio (su tutti, Heath Ledger e Jack Nicholson). Eppure, non tutto è perduto. Una teoria che sta circolando con insistenza, e che appare decisamente verosimile, sostiene che l'Arthur Fleck di Phoenix non sia il vero Joker, ma semplicemente un precursore che avrebbe ispirato il criminale di Gotham City (che infatti nei fumetti ha un altro nome: si chiama Jack Napier). Inoltre, è certo che Phoenix non apparirà nel nuovo film su Batman con Robert Pattinson. Dunque, anche se non accadrà in tempi brevi, non è escluso che in futuro il villain psicopatico dal trucco clownesco torni sul grande schermo. E chissà che a quel punto la Warner non decida – una volta esauritasi l'attenzione mediatica su Phoenix – di richiamare in causa Leto.