Esordio col botto per "Joker", il film diretto da Todd Phillips con Joaquin Phoenix nei panni dell'arcinemico di Batman. Forte del Leone d'oro vinto a Venezia, di un'attesa con pochi precedenti e di un'aura di cult che circondava il film già dall'uscita delle prime immagini, l'origin story dedicata al cattivo più celebre dei fumetti Dc ha sbancato al box office italiano, dov'è uscito con un giorno d'anticipo rispetto alla data americana. I risultati pubblicati dal sito Cinetel parlano di 1.033.369 euro incassati, pari a 148.766 spettatori.

Il confronto con l'esordio di C'era una volta a… Hollywood

Un debutto boom, capace di superare quello di "C'era una volta a… Hollywood" di Quentin Tarantino, che nel primo giorno di programmazione in Italia (il 18 settembre) aveva incassato 855.045 euro in un solo giorno con circa 120mila presenze. La giornata di ieri è stata praticamente dominata da "Joker", nonostante il film non sia immune da qualche polemica (negli Usa si temono violenze ed emulazioni sulla falsariga del massacro di Aurora e anche alcuni cinema italiani hanno vietato maschere e armi giocattolo alla proiezione). Al secondo posto tra gli incassi della giornata figura proprio Tarantino, ma è molto distante (con meno di 130mila euro incassati). Seguono "Rambo: Last Blood" e "Ad Astra", che hanno racimolato circa 50mila euro a testa. Vedremo se alla lunga "Joker" sorpasserà "C'era una volta a… Hollywood", che ad oggi ha totalizzato quasi 9,8 milioni di euro.

Joker punta all'Oscar

Dopo aver vinto la Mostra del cinema di Venezia, appare chiaro che "Joker" ambisce a conquistare qualcosa ai prossimi Oscar. Al momento appare già scontata la vittoria di Joaquin Phoenix come miglior attore protagonista (gli è sfuggita la Coppa Volpi a Venezia solo perché il film che vince il Leone d'Oro non può avere altri premi). Considerando che la pellicola di Todd Phillips (decisamente lontana dagli altri cinecomic) si rifà più volte al cinema di Martin Scorsese, per una curiosa ironia della sorte potrebbe essere proprio quest'ultimo a rendere la vita difficile a "Joker" agli Academy Awards: il suo "The Irishman" è stato accolto molto positivamente dalla critica americana e al momento appare il candidato più papabile per il premio come miglior film.