6 CONDIVISIONI

La nostra vita, Elio Germano e il sottoproletariato di Luchetti

Il nuovo film di Daniele Luchetti, in concorso a Cannes, racconta con intensità il mondo del lavoro e delle classi povere del nostro paese.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Emanuele Rauco
6 CONDIVISIONI
Germano e Bova nella scena madre della Nostra vita

Una delle accuse più pesanti e insistenti che spesso vengono rivolte al cinema italiano è quella di non volere o sapere raccontare la realtà, forse perché ci fa paura o fa paura ai referenti del cinema nostrano. Daniele Luchetti col suo nuovo film, La nostra vita, prova a sottrarsi a questa sorta di tecnica dello struzzo e a dire qualcosa di forte sul nostro paese. Lo fa raccontando la storia di Claudio, operaio a cui muore la moglie lasciandogli tre figli, e che deve cercare un modo per risollevarsi non solo economicamente: ma non sempre questi metodi saranno leciti.

Luchetti scrive questo dramma dai tratti sorridenti – come quasi sempre nel nostro cinema – assieme a Stefano Rulli e Sandro Petraglia, cercando come non si faceva dai tempi di Una vita difficile di Risi di raccontare la difficile vita delle classi medio-basse del nostro paese all’interno di un cinema per il grande pubblico. Infatti oltre all’abisso del lavoro in nero e dell’illegalità legata a doppio filo al mondo dell’edilizia, il film sonda anche una sottocultura proletaria, un modo d’essere e pensare che spesso il cinema più borghese dimentica.

Luchetti, che ha raccolto applausi e risate alla proiezione a Cannes, lo fa con uno stile inusuale per il suo cinema: macchina a mano, stacchi bruschi di montaggio, girato dal vero in luoghi e set mai costruiti o preparati: ne esce l’immagine di un cinema medio che vuole e sa descrivere, raccontare il nostro mondo, grazie a una sceneggiatura accorta tanto ai personaggi quanto al loro contesto suburbano e sociale, che stona un po’ solo nel conciliante finale, e a una regia che non ha paura di primissimi piani mobili, anche perché ha a disposizione attori di gran talento come Elio Germano, Isabella Ragonese e Raoul Bova (nelle sale anche con La bella società di Cugno) che sa dirigere con piglio davvero notevole. E che raccontano con spontaneità il vero prezzo dei sogni.

Emanuele Rauco

6 CONDIVISIONI
Festival di Cannes, Daniele Luchetti porta l'Italia in concorso
Festival di Cannes, Daniele Luchetti porta l'Italia in concorso
La nostra vita, Daniele Luchetti guarda la nostra realtà
La nostra vita, Daniele Luchetti guarda la nostra realtà
Cannes: Applausi e risate per Luchetti mentre Bellocchio tiene una lezione di cinema e politica
Cannes: Applausi e risate per Luchetti mentre Bellocchio tiene una lezione di cinema e politica
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni