776 CONDIVISIONI
28 Gennaio 2015
00:48

Le 10 cose di “Sherlock Holmes” che ancora non sapevate

Guy Ritchie, nel 2009, dirigeva Robert Downey Jr. e Jude Law nei panni, rispettivamente, di Sherlock Holmes e Watson, ma forse non sapeva che avrebbe portato in sala uno dei più grandi blockbuster di quegli anni e un piccolo gioiellino che i fan del regista e degli attori avrebbero amato alla follia. Ci sono, però, ancora 10 curiosità a riguardo che dovete sapere.
A cura di Ciro Brandi
776 CONDIVISIONI

Nel 2009, Guy Ritchie ingaggiò Robert Downey Jr. e Jude Law rispettivamente per il ruolo dell'investigatore Sherlock Holmes e del dottor Watson. La sceneggiatura di “Sherlock Holmes” è tratta dal fumetto scritto appositamente da Lionel Wigram e ispirata ai romanzi dell'autore scozzese Sir Arthur Conan Doyle, ma forse lo stesso Ritchie non sapeva che stava per portare nelle sale un grandissimo blockbuster, capace d’incassare una cifra spaventosa e di portare a casa due nomination agli Oscar. Di seguito, trovate 10 curiosità in merito che dovete assolutamente sapere.

1. La prima audizione fallita di Robert Downey Jr.

Per la parte di Sherlock Holmes, il produttore Joel Silver parlò personalmente con l'attore Robert Downey Jr., che durante il primo colloquio gli sembrò inadatto al ruolo. Tuttavia, dopo altre audizioni, Downey Jr. è stato ascoltato da Guy Ritchie, che ha smentito i possibili problemi legati alla sua assunzione, ovvero la sua età discordante con quella dell'investigatore e l'accento inglese, e lo ingaggiò subito.

2. Via i due luoghi più comuni di Sherlock Holmes

Dopo la firma del contratto, Guy Ritchie ha insistito sul fatto che i due luoghi più comuni di Sherlock Holmes – la frase " Elementare, mio caro Watson " e il cappello da cacciatore – dovevano essere eliminati del tutto dal film.

3. L’incidente sul set

Nel corso delle riprese a Londra,  Robert Downey Jr., durante una scena di combattimento che lo vedeva complice di Robert Maillet, ha ricevuto un pugno in viso da quest'ultimo riportando una ferita che ha richiesto sei punti di sutura.

4. Senza stuntmen, please!

I tre protagonisti principali – Rachel McAdams, Jude Law and Robert Downey Jr. – hanno girato la maggior parte delle loro scene d’azione, senza l’aiuto degli stuntmen.

5. Jack Lo Squartatore?

Fate caso a quanto segue: durante la condanna a morte di Lord Blackwood (Mark Strong), il giudice gli imputa la morte di 5 persone e questo fa pensare che l’uomo sia, in realtà, Jack lo Squartatore.

6. Il Wing-Chun Kung Fu

Nei libri, Holmes è descritto come esperto di Baritsu. Nel film, invece, l' arte marziale che Holmes mette in pratica è il Wing- Chun Kung Fu (notoriamente praticata da Ip Man Yee e Bruce Lee ). Robert Downey Jr. è un fanatico di quest’arte marziale anche nella vita reale e la scena di lotta tra lui e David Garrick, a Punchbowl Pit, è stata coordinata con l'aiuto del suo allenatore.

7. Le lettere VR

Le lettere " VR " , visibili per tutto il film , stanno per " Victoria Regina ", il  monogramma reale dell'allora regnante regina Victoria.

8. Il gossip su Sienna Miller e Jude Law

C’è una curiosità che pochi giornali e siti riportarono allora. Sienna Miller era in trattative per un ruolo importante nel film, ma quando seppe che il suo ex – fidanzato Jude Law era stato già scelto per il ruolo di Watson, rifiutò.

9. Gli incassi

“Sherlock Holmes” ha incassato una cifra esorbitante al botteghino. Solo in USA, la cifra è stata 209.028.679 dollari, mentre l’incasso totale è stato di 524.028.679.

10. Il Golden Globe e le nomination agli Oscar

Robert Downey Jr. ha vinto il Golden Globe come Miglior attore in un film commedia o musicale. Il film ha ottenuto tantissimi riconoscimenti e anche 2 nomination agli Oscar (Migliore scenografia e Migliore colonna sonora).

776 CONDIVISIONI
Le 10 cose di “Sherlock Holmes – Gioco di ombre” che ancora non sapevate
Le 10 cose di “Sherlock Holmes – Gioco di ombre” che ancora non sapevate
Le 10 cose de “Il principe abusivo” che ancora non sapevate
Le 10 cose de “Il principe abusivo” che ancora non sapevate
Le 10 cose de “Il grande Gatsby” che ancora non sapevate
Le 10 cose de “Il grande Gatsby” che ancora non sapevate
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni