6.907 CONDIVISIONI

Le 20 cose della saga di “Fast and Furious” che ancora non sapevate

La saga di Fast and Furious, il franchise dedicato alle corse e battaglie d’auto, iniziato nel 2001, è diventata la più famosa e fruttuosa di tutti i tempi. Ecco 20 curiosità sui primi sei film che sicuramente non conoscevate, dalla Dodge Daytona di Vin Diesel fatta apposta per il film alla lista di attori considerati prima di scegliere Paul Walker.
A cura di Ciro Brandi
6.907 CONDIVISIONI

La saga di “Fast and Furious” è sicuramente il franchise sulle corse e battaglie d’auto più famoso e fruttuoso di tutti i tempi. Le avventure di Dominic Toretto (Vin Diesel) e Brian O’Connor (Paul Walker) hanno appassionato milioni di fan in tutto il mondo. Non ci si stanca mai di vedere le centinaia di bellissime auto, le donne meravigliose e coraggiose, le avventure adrenaliniche e le acrobazie automobilistiche surreali, anche a 14 anni di distanza dall’uscita del primo film. Le curiosità sull’intera saga sono davvero tantissime, ma qui di seguito ne trovate 20 che sicuramente non conoscevate.

1. “Vivo la mia vita a un quarto di miglia alla volta”

Nel primo film della saga, “Fast and Furious”, diretto da Rob Cohen, la famosa frase detta da Dominic Toretto/Vin Diesel “Vivo la mia vita a un quarto di miglia alla volta” viene ripresa anche dal protagonista del film “Torque – Circuiti di fuoco”(2004), Cary Ford, interpretato da Martin Henderson. Il produttore di “Torque” è lo stesso di “Fast and Furious” e ritenne che la frase potesse essere usata anche in questo film incentrato sulla sfide tra moto.

2. Le immagini di “Dragon – La storia di Bruce Lee”

In una scena a casa di Toretto, per qualche secondo si vede scorrere sul televisore in salotto, alcune scene del film “Dragon – La storia di Bruce Lee”, del 1993, girato sempre dallo stesso Rob Cohen.

3. Il ragazzo della pizza

Proprio Rob Cohen, il regista del film, appare in un cameo nel ruolo del ragazzo della pizza.

4. Gli attori considerati prima di Paul Walker

Inizialmente, per la parte di Brian O’Connor, furono considerati gli attori Mark Wahlberg, Christian Bale e il rapper Eminem, ma Cohen fu convinto dalla spontaneità e dal talento di Paul Walker, oltre al fatto che fosse un grande appassionato di auto da corsa.

5. Attrici senza patente prima delle riprese

Non ci crederete mai, eppure, qualche mese prima che iniziassero le riprese di “Fast and Furious”, le attrici Michelle Rodriguez (Letty) e Jordana Brewster (Mia Toretto) non avevano la patente. Riuscirono ad ottenerla giusto in tempo per guidare dei bolidi assurdi.

6. 1500 auto

Durante la scena della sfida tra le auto da corsa, nel primo film, furono usate ben 1500 auto, con veri piloti professionisti

7. La macchina di proprietà di Paul Walker

La prima macchina che Paul Walker guida nel secondo capitolo “2 Fast 2 Furious”(2003), una Nissan Skyline GT-R R34 argento e blu, era in realtà di sua proprietà. Visto che era un grande conoscitore e appassionato di auto da corsa, il regista John Singleton gli permise di scegliere personalmente tutte le auto del film.

8. Due script diversi

La Universal commissionò agli sceneggiatori Michael Brandt e Derek Haas due script diverso: uno con il personaggio di Vin Diesel e l’altro senza, perché non si sapeva se l’attore volesse girare il secondo capitolo.

9. La residenza di Sylvester Stallone

Il complesso immerso nel verde, usato come residenza di Carter Verone (Cole Hauser), nel secondo film, è nella vita reale, una delle residenze di proprietà dell’attore Sylvester Stallone, grande fan della saga.

10. Le Dodge Viper gialle

Le splendide Dodge Viper gialle che vediamo in “2 Fast 2 Furious” erano, originariamente, di colore rosso. La produzione le prese in prestito da un concessionario Dodge ma, prima di riportarle indietro, le fece ridipingere di nuovo di rosso.

11. I diritti di “Riddick” in cambio del cameo

La Universal Pictures chiese a Vin Diesel di apparire in un cameo nel terzo film della saga, “The Fast and The Furious: Tokyo Drift”(2006), diretto da Justin Lin. Diesel accettò ma in cambio chiese alla major la cessione dei diritti del franchise di “Riddick”. La Universal accettò così, nel 2013, l’attore ha potuto girare il film in maniera indipendente.

12. Terzo capitolo senza Walker

Il terzo capitolo è l’unico in cui Paul Walker/Brian O’Connor non appare, con sommo rammarico dei fan. In realtà, a Walker non fu chiesto di tornare perché la produzione lo riteneva troppo “vecchio” per il ruolo. Il protagonista è, infatti, Lucas Black.

13. La Mitsubishi  Lancer Evolution VIII di “Tokyo Drift”

La favolosa macchina che il protagonista Sean Boswell (Lucas Black) guida nel terzo film è una Mitsubishi  Lancer Evolution VIII. La produzione, mesi prima delle riprese, andò in Giappone a vedere e comprare tantissime macchine di produzione del fantastico paese del Sol Levante, tutte stupende.

14. Il pioniere del drift Keiichi Tsuchiya

Sempre nel terzo capitolo, il pioniere del drift Keiichi Tsuchiya fa un'apparizione nel ruolo di un pescatore, durante la scena in cui Sean si allena a driftare nel porto, commentando la scarsa abilità del ragazzo. Accanto a lui compare Shuichi Shigeno, autore del manga ed anime di Initial D, incentrato proprio sul drift.

15. “Fast & Furious – Solo parti originali” 72,5 milioni di dollari in 3 giorni

Fast & Furious – Solo parti originali”(2009), diretto da Justin Lin, è stato il più grande successo della Universal Pictures nel weekend di apertura, con un incasso pari a 72,5 milioni di dollari. La pellicola ha battuto il recordo de “Il mondo perduto – Jurassic Park”(1997), che ne incassò 72,1.

16. I fatti di “Fast & Furious – Solo parti originali” prima di “Tokyio Drift”

Fast & Furious – Solo parti originali”, anche se uscito tre anni dopo, si colloca, cronologicamente, prima dei fatti di “Tokyo Drift”(2006). L’attore Sun Kang è nel ruolo di Han Lue in entrambi i film e quando Dominic/Diesel, nel quarto capitolo, gli dice di andare via, lui risponde che andrà a Tokyo. Infatti, nel terzo film è uno dei personaggi principali.

17. “Fast & Furious 5”, il film che ha incassato di più dell’intera saga

Fast & Furious 5”(2011), sempre diretto da Justin  Lin, Fast & Furious 5, sin dal suo arrivo al grande schermo, ha incassato cifre di gran lunga superiori ai precedenti capitoli. Uscito nel mese di aprile, è stato il film più visto di tutta la primavera, incassando in un mese 168 milioni di dollari. Con 626.137.675 dollari incassati il film si piazzò al 55º posto nella classifica dei film con maggior incasso.

18. Critica entusiasta del quinto capitolo

La critica osannò il quinto capitolo, definendolo il migliore dell’intera serie. Particolarmente apprezzato è stato il contributo di Dwayne Johnson, nei panni di Luke Hobbs, un agente del DSS (Diplomatic Security Service) nemico pericolosissimo che riesce a catturare Toretto e il resto della squadra, ma viene fermato dagli uomini di Reyes (Joaquim de Almeida) e tutti i suoi compagni, eccetto Elena (Elsa Pataky), vengono uccisi. Da quel momento, si allea con Toretto per uccidere Reyes e vendicare i suoi uomini. Unico neo, sempre secondo i critici, la durata eccessiva. E’ infatti l’unico film della saga a durare 2 ore.

19. La Giulietta in “Fast & Furious 6”

In “Fast & Furious 6(2013), tra le magnifiche auto, c’è anche la nuova Giulietta della casa automobilistica Alfa Romeo. Per l’occasione, fu rilasciato uno spot televisivo esclusivamente per il mercato italiano.

20. La Dodge Daytona di Vin Diesel fatta apposta per il film

La meravigliosa Dodge Daytona guidata da Vin Diesel è stata creata apposta per il film. Dennis McCarthy l’uomo che si nasconde dietro alla creazione e alla preparazione di tutti i veicoli del franchise, ha acquistato la “carcassa” per 5000 dollari e ne ha fatto un vero e proprio bolide.

6.907 CONDIVISIONI
Le 20 cose della saga di “Jurassic Park” che ancora non sapevate
Le 20 cose della saga di “Jurassic Park” che ancora non sapevate
Le auto più belle di "Fast & Furious"
Le auto più belle di "Fast & Furious"
154.364 di Spettacolo Fanpage
Le 10 cose di “The Twilight Saga: Breaking Dawn” che ancora non sapevate
Le 10 cose di “The Twilight Saga: Breaking Dawn” che ancora non sapevate
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni