22 Luglio 2017
12:02

Le 5 cose di “Ritorno al futuro – Parte III” che dovete sapere

Il terzo capitolo di una delle saghe più famose di tutti i tempi usciva nel 1990. Stavolta, Marty dovrà evitare che il suo amico Doc venga ucciso, nel 1885, da Buford “Cane Pazzo”, facendosi aiutare dalla maestra Clara Clayton. La pellicola è un cult immenso, come i due film precedenti, ma ci sono 5 cose che forse non sapevate.
A cura di Ciro Brandi

Il terzo film di una delle trilogie più famose di tutti i tempi usciva nel 1990, diretto da Robert Zemeckis. Non tutti sanno, però, che la seconda e la terza parte di "Ritorno al Futuro" sono state girate consecutivamente nel corso di quasi un anno di riprese perchè dovevano formare un film unico intitolato “Paradox”, ma poi la produzione decise di dividerli in due pellicole differenti. In questa seconda avventura, Marty McFly (Michael J. Fox) è ancora intrappolato nel 1955, dopo che il suo amico Doc (Christopher Lloyd), nella notte del 12 novembre 1955, è stato colpito da un fulmine e rilanciato, con la macchina del tempo, nel 1885. Marty si accorgerà che il “giovane” Doc verrà ucciso poco dopo dal pistolero Buford “Cane Pazzo” Tannen (Thomas F. Wilson), bisnonno di Biff. Da quel momento, Marty farà di tutto per evitare la morte del suo amico, aiutato dalla maestra Clara Clayton (Mary Steenburgen), affrontando il temibile pistolero col nome da battaglia di “Clint Eastwood”. Il film è un cult assoluto, ma ci sono ancora 5 cose che forse non sapevate.

1. Il viaggio più lungo della DeLorean

In questa terza parte, il viaggio nel tempo della DeLorean è il più lungo di sempre. La macchina, infatti, viaggia per 100 anni, 1 mese e 20 giorni, dal 7 Settembre 1885 al 27 ottobre 1985.  Il modello usato per le riprese di questo film è stato appeso sotto al soffitto del ristorante Planet Hollywood a Honolulu, alle Hawaii, fino alle 2010, anno in cui la struttura ha chiuso.

2. Il permesso chiesto a Clint Eastwood

Zemeckis e la produzione chiesero a Clint Eastwood in persona di poter usare il suo nome nel film quando Marty McFly è nel West. L’attore non solo acconsentì ma si disse addirittura lusingato e felice dell’omaggio.

3. Il ruolo di Flea dei Red Hot Chili Peppers

Nel film appare Flea, bassista dei Red Hot Chili Peppers, nel ruolo del bullo Douglas J. Needles, compagno di scuola di Marty McFly. In realtà, i cinefili e gli appassionati della saga ricorderanno che Flea era già apparso nel secondo capitolo, nei panni di un futuro collega di lavoro del protagonista.

4. La parte offerta a Ronald Reagan

Ronald Reagan, attore ed ex Presidente USA è stato sempre un grande fan della saga di Zemeckis. La produzione allora decise di contattarlo per offrirgli il ruolo, del sindaco Hubert . Purtroppo Reagan rifiutò perché aveva altri impegni improrogabili e la parte andò a Hugh Gillin.

5. Michael J. Fox ha rischiato la vita sul set

In una scena del film, Buford “Cane Pazzo” lega una corda attorno al collo di Marty, davanti ad un’impalcatura di legno. Ebbene, l’attore ha rischiato di morire accidentalmente impiccato e, infatti, dopo  aver girato la scena, ha perso i sensi per alcuni secondi. E’ stato lo stesso attore a raccontarlo nell’autobiografia “Lucky Man”(2002).

Le 5 cose di “Vi presento i nostri” che dovete sapere
Le 5 cose di “Vi presento i nostri” che dovete sapere
Le 5 cose che dovete sapere su “Fantozzi va in pensione”
Le 5 cose che dovete sapere su “Fantozzi va in pensione”
Paolo Bonolis compie 58 anni. 5 cose che devi sapere su di lui
Paolo Bonolis compie 58 anni. 5 cose che devi sapere su di lui
554.628 di Cose da ricordare
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni