Il palermitano Roberto Andò torna nelle sale dopo il grandissimo successo di “Viva la libertà”, film che è riuscito a portare a casa una caterva di premi, tra cui 2 David di Donatello, 2 Nastri d’Argento e 3 Ciak d’Oro. Il regista ha richiamato alla sua corte l’amico Toni Servillo, ormai star internazionale dopo il clamore mediatico ricevuto grazie alla pellicola premio Oscar “La grande bellezza”, di Paolo Sorrentino, per “Le confessioni”, una sorta di thriller politico con un cast composto da tantissime stelle italiane e francesi. Servillo è nei panni di un monaco certosino coinvolto, suo malgrado, in una sorta di intrigo tra politici dato che è il confessore di uno di loro, quindi potenziale custode di un segreto importantissimo. Andò ha curato anche la sceneggiatura e, oltre a Servillo, il regista è riuscito a coinvolgere anche Pierfrancesco Favino, il grande Daniel Auteuil e Lambert Wilson. La pellicola sarà nelle nostre sale a partire dal prossimo 21 aprile.

La trama

In un albergo di lusso tedesco, sta per riunirsi un G8 dei ministri dell’economia per adottare una manovra segreta che avrà conseguenze molto pesanti per alcuni paesi. Con gli uomini di governo, ci sono anche il direttore del Fondo Monetario Internazionale, Daniel Roché, e tre ospiti: una celebre scrittrice di libri per bambini, una rock star, e un monaco italiano, Roberto Salus.  Un evento tragico, però, fa sospendere la riunione. In un clima di dubbio e di paura, i ministri sospettano che Salus, attraverso la confessione di uno di loro, sia riuscito a sapere della terribile manovra che stanno per varare, e lo sollecitano in tutti i modi a dire quello che sa. Ma le cose non vanno così lisce: mentre il monaco – un uomo paradossale e spiazzante, per molti aspetti inafferrabile – si fa custode inamovibile del segreto della confessione, gli uomini di potere, assaliti da rimorsi e incertezze, iniziano a vacillare.

Il cast

Gli straordinari attori che formano il cast sono: Toni Servillo (Roberto Salus), Connie Nielsen (Claire Seth), Piefrancesco Favino (il Ministro Italiano), Daniel Auteuil (Daniel Roché), Maria-Josée Croze (il Ministro Canadese), Moritz Bleibtreu (Mark Klein), Richard Sammel (il Ministro Tedesco), Johan Heldenbergh (Michael Wintzl), Togo Igawa (Yoshi Kiruchi), Aleksei Guskov (il Ministro Russo), Stéphane Freiss (il Ministro francese), Julian Ovenden (Matthew Price), Jeff Burrell (L’agente della zona rossa), John Keogh (il Ministro Americano), Andy De La Tour (Il Ministro Britannico), Giulia Andò (Caterina) ed Ernesto D’Argenio (Ciro).