La mitica Frances McDormand, con Nomadland, ha vinto il suo terzo premio Oscar come miglior attrice protagonista alla 93esima edizione dei Premi Oscar, andata in scena domenica 25 Aprile al Dolby Theatre di Los Angeles, in ritardo di due mesi a causa della pandemia da Covid-19 e con il pubblico limitato ai soli candidati. L'attrice americana ha avuto la meglio sulle altre quattro candidate, aggiudicandosi questo premio in un'edizione che rimarrà nella storia, considerate le limitazioni necessarie e i collegamenti da più location. Da notare che la McDormand, in quanto co-produttrice, condivide anche l'Oscar al miglior film a Nomadland di Chloé Zhao, grande trionfatore della serata con tre statuette (ha conquistato pure quello alla miglior regia). "Non ho parole: la mia voce è nella mia spada", ha detto la McDormand nel suo discorso di ringraziamento, citando il Macbeth, “Sappiamo che la spada è il nostro lavoro e a me piace il lavoro. Grazie per averlo riconosciuto e grazie per questo". L'attrice ha anche scherzato suggerendo all'organizzazione della kermesse di raggiungere un karaoke bar per il post-premi (tutti i vincitori degli Oscar).

Frances McDormand premiata per Nomadland

Con gli altri premiati Yuh–Jung Youn (attrice non protagonista) e Daniel Kaluuya (attore non protagonista)
in foto: Con gli altri premiati Yuh–Jung Youn (attrice non protagonista) e Daniel Kaluuya (attore non protagonista)

La McDormand ha vinto, come dicevamo, per Nomadland, in cui interpreta una donna di nome Fern, la cui vita cambia completamente dopo la morte del marito e la crisi economica che porta alla sostanziale scomparsa della cittadina mineraria in cui vive: Fern decide di vivere a bordo di un van, girando l'America da un lavoro all'altro, in compagnia di persone che come lei hanno scelto una vita nomade. L'Oscar per la sua prova vibrante e davvero straordinaria è arrivato dopo quelli vinti, sempre come miglior protagonista, nel 1997 per Fargo (diretto dal marito Joel Coen) e nel 2018 per Tre manifesti a Ebbing, Missouri.

Renée Zellweger aveva vinto nel 2020

L'anno scorso a stringere il premio tra le mani è stata Renée Zellweger, che ha emozionato tutti nei panni di Judy Garland. Questa volta in cinquina ci sono Carey Mulligan, Viola Davis, Vanessa Kirby, Andra Day e Frances McDormand.

Le cinque candidate agli Oscar come miglior attrice protagonista

I bookmakers ritenevano favorita della vigilia Carey Mulligan (Non lasciarmi, Il grande Gatsby, Shame) per il personaggio che ha portato sul grande schermo in Promising Young Woman (Una donna promettente). Allo stesso tempo ha fatto molto discutere il lavoro di Viola Davis con Rainey’s Black Bottom. L'attrice è stata la prima donna afroamericana a portare a casa un Oscar e a oggi è anche quella con più candidature. Altrettanto altisonante l'interpretazione di Frances McDormand in Nomadland, tra i film con più candidature in questa edizione. Molto toccante anche il ruolo interpretato da Vanessa Kirby, che in Pieces of Woman è riuscita a trasmettere tutto il dolore di una donna che subisce un aborto e non solo. Così come ha colpito molto Andra Day in The United States vs Billie Holiday, dove ha vestito i panni della diva del jazz degli Quaranta e Cinquanta.

Con la regista Chloé Zhao
in foto: Con la regista Chloé Zhao