"Il Natale quando arriva, arriva". Lo suggeriva Renato Pozzetto in una vecchia cara pubblicità di un noto panettone. Una frase che calza a pennello per "Klaus", film d'animazione che in qualche modo ha anticipato il Natale su Netflix. È disponibile ufficialmente sulla piattaforma streaming di contenuti on demand dal 15 novembre, ma il film di animazione può essere assolutamente fruito, rivisto o recuperato a seconda dei cosi, in queste giornate di festa. È un prodotto per tutta la famiglia, divertente e toccante, che racconta la genesi del Natale e della sua leggendaria figura principale, Babbo Natale. Diretto da Sergio Pablos ("Cattivissimo Me") e con le voci di Marco Mengoni, Ambra Angiolini e Francesco Pannofino, "Klaus" è la storia del rapporto tra Jesper, nuovo postino della sperduta isola di Smeereensburg e del misterioso carpentiere Klaus. Saranno loro i veri inventori del Natale.

La storia di Klaus

Jesper (doppiato da Marco Mengoni) è un borioso e pigro studente dell'accademia postale. È un ragazzo viziato in quanto crede di non dover lavorare ed impegnarsi solo perché suo padre è il proprietario della società postale. Così, come atto punitivo, viene spedito dall'austero genitore nella sperduta isola di Smeerensburg, dove nessuno spedisce più lettere. Grazie all'aiuto di Alva (doppiata da Ambra Angiolini), una insegnante che ha perso la stima per se stessa e la fiducia nell'insegnamento, e all'incontro con Klaus, un misterioso fabbricante di giocattoli, la storia di tutti cambierà.

L'importanza di Klaus nelle feste di Natale

Il regalo di Natale migliore possibile è strappare un po' di tempo per sé e per i propri cari. "Klaus" è spendere 98 minuti nel miglior modo possibile. È un film che racconta l'origine del Natale in una chiave completamente nuova, che esalta l'umanità dei personaggi mostrati. Un film che ci ricorda che la migliore magia del Natale è quella che viene fuori da noi stessi. Vi cambierà l'umore e svolge cambierà la giornata.