Nove premi in tutto per "Dogman", tra cui i premi come miglior film e regia per Matteo Garrone, quello come miglior attore non protagonista per Edoardo Pesce e tre premi per "Sulla mia pelle", com quello importantissimo e significativo come miglior attore protagonista ad Alessandro Borghi, che ha dedicato la vittoria a Stefano Cucchi. È stata una serata a tratti emozionante, gradevole sebbene dai ritmi non proprio altissimi, complice un'organizzazione probabilmente non dello stesso livello rispetto a quanto abbiamo ammirato ormai due anni fa sotto l'egida di Sky.

Tutti i premi dei David 2019

Miglior film: "Dogman"

Miglior attore protagonista: Alessandro Borghi per "Sulla mia pelle"

Miglior attrice protagonista: Elena Sofia Ricci per "Loro"

Miglior regia: Matteo Garrone per "Dogman"

Miglior regista esordiente: Alessio Cremonini per "Sulla mia pelle"

Miglior attore non protagonista: Edoardo Pesce per "Dogman"

Migliore attrice non protagonista: Marina Confalone per "Il vizio della speranza"

Miglior sceneggiatura originale: "Dogman"

Miglior sceneggiatura non originale: "Chiamami con il tuo nome"

Miglior autore della fotografia: Nicolai Brüel per "Dogman"

Premio speciale dello spettatore: "A casa tutti bene" di Gabriele Muccino

Miglior costumista: Ursula Patzak – "Capri Revolution"

David dei giovani: "Sulla mia pelle"

Miglior musicista: Sascha Ring e Philipp Thimm per "Capri Revolution"

Miglior scenografia: Dimitri Capuani per "Dogman"

Miglior documentario: "Santiago, Italia"

Miglior trucco: Dalia Colli e Lorenzo Tamburini – "Dogman"

Miglior acconciatura: Aldo Signoretti – "Loro"

Miglior montatore: Marco Spoletini – "Dogman"

Miglior produttore: Cinemaundici e Lucky Red – "Sulla mia pelle"

Miglior effetti visivi: Victor Perez – "Il ragazzo invisibile – Seconda generazione"

Miglior suono: "Dogman"

Miglior film straniero: "Roma"