2.620 CONDIVISIONI
21 Novembre 2015
11:26

10 cose di “Mamma, ho riperso l’aereo: mi sono smarrito a New York” che non sapevate

Chris Columbus, nel 1992, torna al cinema con il sequel di “Mamma, ho perso l’aereo”, e fa di nuovo il botto. Nel film, il piccolo Kevin (Macaulay Culkin) si perde a New York, mentre i suoi partono per una vacanza a Miami. Kevin, però, se la cava alla grande, anche se s’imbatte di nuovo nei due delinquenti Marv e Harry, che dovranno vedersela con altri mille trabocchetti. Ecco 10 curiosità sul film che ancora non sapevate.
A cura di Ciro Brandi
2.620 CONDIVISIONI

Nel 1992, Chris Columbus portava nelle sale “Mamma, ho riperso l’aereo: mi sono smarrito a New York” (“Home Alone 2: Lost in New York”) sequel del fortunatissimo “Mamma, ho perso l'aereo”. Nel film, il piccolo Kevin (Macaulay Culkin) si perde a New York, mentre i suoi partono per una vacanza a Miami. Kevin, però, se la cava alla grande, prenotando una stanza al Plaza Hotel. Purtroppo, s’imbatte di nuovo nei due delinquenti Marv e Harry, che dovranno vedersela con altri mille devastanti trabocchetti. Il film è diventato un cult in tutto il mondo, ma ci sono 10 cose che dovete ancora sapere.

1. Un compenso da capogiro per Macaulay Culkin

Per tornare nei panni di Kevin, a Macaulay Culkin furono offerti 4.5 milioni di dollari, il compenso più alto mai dato ad un bimbo di 12 anni.

2. I reali effetti dei trabocchetti su Marv e Harry

Entertainment Weekly, all’epoca, intervistò un dottore per chiedergli quali sarebbero stati gli effetti reali di tutti i “trabocchetti” ai quali Kevin sottopine i ladruncoli Marv (Daniel Stern) e Harry (Joe Pesci). Ebbene, il dottore disse che solo l’incidente con i mattoni che colpiscono in pieno volto i due delinquenti, avrebbe causato loro danni al cervello, se non addirittura la morte.

3. Fuller è Kieran Culkin, fratello di Macaulay

Il fratello minore di Macaulay Culkin, Kieran, nel film interpreta il ruolo di suo cugino Fuller, il bimbo che fa la pipì a letto.

4. Protezione extra per il protagonista e il cast

Le scene all’aeroporto sono state quelle più difficili da girare, non solo per motivi logistici, ma soprattutto perché Macaulay Culkin, grazie al primo film, era diventato una vera e propria celebrità e, per lui e per il cast, fu necessario un servizio di protezione extra per i paparazzi e per i fans.

5. Il cameo di Donald Trump

Nella scena in cui Kevin chiede un'informazione nella hall dell'albergo, l’uomo che gli risponde è il magnate Donald Trump, proprietario del Plaza all'epoca del film. Trump, lo ha poi venduto a Troy Richard Campbell, nel 1995, per 325 milioni di dollari.

6. La moglie del regista

L’operatrice dell’hotel con cui Kevin fa la prenotazione, fingendo di essere suo padre, è interpretata da Monica Devereux, moglie del regista Chris Columbus.

7. Giocattoli per tutti

A tutti i bambini che partecipano alla scena del negozio di giocattoli “Duncan”, fu permesso di prendere il loro giocattolo preferito, come parte del loro compenso.

8. Le scene dal cult “La vita è meravigliosa”

Chris Columbus ha voluto inserire delle scene tratta da “La vita è meravigliosa”, cult natalizio del 1946, diretto da Frank Capra in questo sequel ma anche in “Mamma, ho perso l'aereo” (1990) e in “Gremlins” (1984), da lui sceneggiato.

9. La donna dei piccioni da Oscar

La donna dei piccioni è la grande attrice Brenda Fricker, premio Oscar come Migliore attrice non protagonista, nel 1990, per il ruolo della signora brown nel commovente “Il mio piede sinistro”, di Jim Sheridan.

10. Gli incassi

Il film è diventato un vero e proprio cult, portando a casa ben 359.000.000 dollari in tutto il mondo. Non è riuscito, però, ad eguagliare i fasti del primo capitolo, che di dollari ne ha incassati 475.000.000.

2.620 CONDIVISIONI
Le 10 cose di “Mamma Mia!” che ancora non sapevate
Le 10 cose di “Mamma Mia!” che ancora non sapevate
Le 10 cose di “Madagascar 2” che ancora non sapevate
Le 10 cose di “Madagascar 2” che ancora non sapevate
Le 10 cose di “Rush” che ancora non sapevate
Le 10 cose di “Rush” che ancora non sapevate
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni