Potrebbe essere tranquillamente definita come “la sexy star della porta accanto”, anche se lei non ama le etichette e gli stereotipi. Eppure, Valentina Lodovini, 40 anni il 14 maggio, ha già girato quasi 30 film e 12 tra fiction e film tv, dimostrando ogni volta un talento immenso ma anche una passione e un sex appeal mediterranei che riportano alla mente quelli delle dive come Sophia Loren e Gina Lollobrigida. Dall’esordio con Michele Placido, nel 2004, fino al successo clamoroso di “Benvenuti al Sud” e “Benvenuti al Nord”(2012) ne ha fatta tantissima di strada, affermandosi anche in tv con le serie “Distretto di Polizia”(2006) , “Il segreto dell’acqua” e comparendo anche in un episodio de “Il commissario Montalbano”.

Gli studi e il videoclip con i Tiromancino

L’attrice è nata ad Umbertide ma ha trascorso l’infanzia e l’adolescenza a Sansepolcro e, dopo aver conseguito la maturità scientifica, si diploma al Laboratorio teatrale dell’Associazione Culturale “Ottobre”, diretta da Valeria Cingottini. Dopo aver preso parte a vari spettacoli teatrali e al videclip dei Tiromancino “I giorni migliori”, nel 2004 consegue anche il diploma al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma.

L’esordio con Michele Placido la nomination ai David

Nello stesso anno, arriva l’esordio al cinema nel film “Ovunque sei”, diretto da Michele Placido, seguito da “Il mistero di Lovercraft – Road to L.”(2005), dei registi Federico Greci e Roberto Leggio. Nel 2006 prende parte a tre miniserie per la tv – “La moglie cinese”, “48 ore”, “Distretto di Polizia” e ai film “A casa nostra”, di Francesca Comencini e “L’amico di famiglia” diretto da Paolo Sorrentino. Grazie al suo primo ruolo da protagonista, Mara, nel film di Carlo Mazzacurati “La giusta distanza”, ottiene una candidatura ai David di Donatello come Miglior attrice protagonista. L’anno successivo, invece, è nel cast della fiction internazionale “Coco Chanel”, di Christian Duguay e porta a casa il premio Biraghi per la sua performance nella pellicola di Daniele Vicari “Il passato è una terra straniera”.

Il ciak d’oro per “Fortàpasc” e il successo di “Made in Sud”

I primi premi per la Lodovini arrivano con il film “Fortàpasc”, di Marco Risi e “Generazione 1000 euro”, di Massimo Venier, grazie ai quali vince il Ciak d’Oro come attrice rivelazione dell’anno. Dopo aver girato alcuni episodi delle serie “Boris” e “L’ispettore Coliandro”, arriva la vera popolarità con la commedia “Benvenuti al Sud”(2010), blockbuster di Luca Miniero con Alessandro Siani e Claudio Bisio, dove l’attrice ha il ruolo di Maria Flagello, fidanzata del protagonista Siani, che le farà vincere il David di Donatello come Miglior attrice non protagonista. Nel 2011, Francesco Patiero la affianca a Luca Argentero e Alessandro Gassmann nel film “Cose dell’altro mondo” e, l’anno dopo, è la volta del sequel “Benvenuti al Nord”, sempre diretto da Luca Miniero e mattatore al botteghino. In televisione, invece, la vedremo nelle miniserie “Gli ultimi del Paradiso”(2010), di Luciano Manuzzi e “Il segreto dell’acqua”(2011).

Gli ultimi film e i progetti futuri.

Nel 2013, cambia genere e gira il thriller “Passione sinistra”, di Marco Ponti, con Alessandro Preziosi per poi torna alla grande commedia con “Una donna per amica”(2014), di Giovanni Veronesi e “Buoni a nulla”(2014) di Gianni Di Gregorio. Per non restare imprigionata nel genere, cerca di cambiare ruoli e lo fa con “Tre tocchi”(2014), di Marco Risi e “Milionari”(2014), per la regia di Alessandro Piva. Genovesi la rivuole per il divertente e corale “Ma che bella sorpresa”. Le ultime pellicole in cui l’abbiamo vista sono “La linea gialla”(2015) diretto dalla coppia di registi formata da Francesco Conversano e Nene Grignaffini; il divertente “La verità sta in cielo”(2016), di Roberto Faenza e “Si muore tutti democristiani”, esordio alla regia de Il Terzo Segreto di Satira. Nel 2017, invece, è apparsa in un episodio della serie “Il commissario Montalbano” e ha girato il videoclip “Sospesi”, di Colapesce. A breve, invece, la vedremo nella serie tv “L’Aquila”, accanto a Luca Barbareschi e Donatella Finocchiaro.