Edoardo Leo, nel 2016, tornava in cabina di regia per la commedia “Che vuoi che sia”, in cui si ritaglia anche il ruolo di protagonista maschile, accanto ad Anna Foglietta. I due sono nei panni di Claudio (Leo) e Anna (Foglietta) una coppia che continua a rimandare il progetto di un figlio nell’attesa che la loro situazione economica migliori. Le loro speranze sono riposte in una piattaforma web ideata da Claudio, ma il crowdfunding lanciato per svilupparla non dà i risultati auspicati. Una sera, Claudio registra un video che posta per scherzo e lancia una sfida al “popolo di Internet”: visto che sembrano essere tutti interessati solo al sesso, Claudio li provoca a fare un’offerta per vedere un video hard, che girerà con Anna, una volta raggiunta la cifra richiesta. Inaspettatamente la sua provocazione ha un grande successo in rete e le offerte raggiungono una cifra incredibile. A quel punto, starà a loro decidere se mettere in vendita la loro “intimità” o meno. Il film, che vanta nel cast anche la presenza di Marina Massironi, Rocco Papaleo e Massimo Wertmuller, ha riscosso molto successo al botteghino, ma ci sono 5 curiosità che dovete sapere.

1. Le coppie che vediamo nel film sono vere

Edoardo Leo ha detto che la storia gli è venuta in mente dopo aver letto una storia di Alessandro Aronadio (uno degli sceneggiatori) che poi è stata quasi completamente modificata. Il suo intento era quello di raccontare una storia contemporanea, la ferocia dei social network e di quello che sta succedendo nel web, unendoli al tema eterno sempreverde del il costo dell’intimità. Così, quasi due anni prima di girare, Leo e Aronadio hanno cominciato a scrivere e fare interviste a moltissime coppie per sapere come la pensavano sugli argomenti già citati. Infatti, tutte quelle che vediamo nel film sono coppie vere.

2. La parte riscritta ad hoc per Marina Massironi

Leo ha affermato che per Marina Massironi, nel film Ivana, zia di Anna, ha totalmente riscritto la parte perché l’attrice non era rimasta convinta alla prima lettura e aveva dato molti suggerimenti originali che piacquero subito al regista.

3. I richiami a “Proposta indecente” e “Sex Tape”

I cinefili più accaniti sapranno che esistono due film molto noti sullo stesso tema. Uno è “Proposta indecente”(1993), con Robert Redford e Demi Moore e l’altro è il più recente “Sex Tape – finiti in rete”(2014), con protagonisti Cameron Diaz e Jason Segel. Edoardo Leo, però, ha detto di non essere stato influenzato dato che di “Sex Tape” ha visto solo il trailer e “Proposta indecente” invece, ha uno switch molto diverso.

4. “Per un’ora d’amore” è il pezzo portante del film

Le musiche del film sono state curate da Gianluca Misiti ma il pezzo portante è "Per un'ora d'amore" dei Matia Bazar, nella pellicola nella versione di Antonella Ruggiero con i Subsonica, mentre il brano che ascoltiamo nella scena della discoteca e alla fine del film è “Class Historian” dei Broncho.

5. La nomination ai Globi d’oro

Il film ha ricevuto una nomination ai Globi d’Oro 2017 come Migliore commedia, ma il premio alla fine è andato a “Lasciati andare” di Francesco Amato, con Toni Servillo e Carla Signoris.