La Mostra di Venezia 2020 si apre, prima ancora della partenza ufficiale, con un inconveniente del tutto inatteso: pare che la biglietteria online sia stata attaccata da un hacker. Lo ha spiegato lo stesso direttore artistico Alberto Barbera sui social, rispondendo agli spettatori che hanno riscontrato problemi nell'acquisto dei biglietti per il festival.

Le parole di Alberto Barbera

La biglietteria del sito Boxol, infatti, ieri è improvvisamente andata in crash impedendo l'acquisto dei posti. Una brutta sorpresa a pochi giorni dalla partenza della Mostra (che inizia il 2 settembre), considerando che quest'anno è possibile comprare biglietti soltanto online, per via dell'emergenza coronavirus. La Biennale è corsa ai ripari istituendo intanto una biglietteria fisica per i film "Toni" della sezione Classici Fuori Mostra che è stato proiettato ieri sera. Di fronte alle proteste, il direttore Barbera si è subito messo a disposizione per un controllo della situazione, spiegando poi su Instagram: "Pare che il sito sia stato oggetto di un attacco di hacker!".

Al via la Mostra di Venezia 2020

La mostra di Venezia si terrà dal 2 al 12 settembre, con tutte le restrizioni del caso che prevedono stretti controlli, distanziamento sociale e riduzione degli accessi al festival nel rispetto delle normative anti-Covid. Il programma prevede comunque un alto numero di film (qui i titoli in concorso), anche se saranno poche le star presenti. Sicuramente ci saranno Tilda Swinton e Ann Hui, premiate con il Leone alla carriera, oltre alla giuria formata da Cate Blanchett, Veronika Franz, Joanna Hogg, Nicola Lagioia, Christian Petzold, Matt Dillon, Ludivine Sagnier. Il film d'apertura sarà "Lacci" di Daniele Luchetti, proiettato insieme alla cerimonia anche nei cinema di tutta Italia.