18 Ottobre 2016
23:58

Le 10 cose di “Saving Mr. Banks” che ancora non sapevate

Nel 2013, John Lee Hancock portava sul grande schermo la storia vera di come Walt Disney ottenne i diritti del romanzo “Mary Poppins” della scrittrice Pamela Lyndon Travers, dopo anni di richieste senza successo. Protagonisti principali sono i Tom Hanks e Emma Thompson e, se volete saperne di più, ecco 10 imperdibili curiosità.
A cura di Ciro Brandi

John Lee Hancock è il regista che, nel 2013, ha portato “Saving Mr. Banks” nei cinema di tutto il mondo. Questa straordinaria pellicola racconta la storia vera di come Walt Disney ottenne i diritti di sfruttamento del romanzo “Mary Poppins” della scrittrice australiana Pamela Lyndon Travers, dopo quattordici anni di richieste senza successo. I due protagonisti principali sono i favolosi Tom Hanks e Emma Thompson e, oltre al grande successo di pubblico, la pellicola è stata nominata ad una valanga di premi, tra cui l’Oscar alla Migliore colonna sonora. Ecco, quindi, 10 curiosità che, probabilmente, non sapevate e che ve la faranno apprezzare ancora di più.

1. La non somiglianza di Hanks e Walt Disney

Il grande Tom Hans ha sempre dichiarato, in molte interviste di non sapere perché il regista l’avesse scelto per quel ruolo, dato che non riteneva di assomigliare molto al mitico Walt Disney.

2. Le interviste di Hanks alla famiglia Disney

Per prepararsi al ruolo, Hanks visitò più volte il Walt Disney Family Museum, a San Francisco, e intervistò alcuni dei suoi parenti, inclusa sua figlia, Diane Disney Miller.

3. Meryl Streep ed Emma Thompson per il ruolo della Travers

Inizialmente, si parlava della grande Meryl Streep per il ruolo di Pamela Lyndon Travers, andato poi alla bravissima Emma Thompson. La Streep, in seguito, ha avuto comunque parole durissime contro Walt Disney, definendolo antisemita e discriminatore delle donne.

4. La Travers contro Dick Van Dyke

Molti non sanno che la vera Pamela Lyndon Travers non ha mai approvato la scelta di Dick Van Dyke per il ruolo di Bert lo spazzacamino nel film cult “Mary Poppins” (1964). La scrittrice aveva suggerito altri grandi attori dell’epoca, tra cui Richard Burton, Alec Guinness, Richard Harris, Laurence Olivier, Peter O'Toole e Peter Sellers, ma alla fine la scelta è caduta sul grandissimo Van Dyke, che ha ottenuto, così, uno dei ruoli più belli ed iconici della sua carriera.

5. Walt Disney e l’ufficio ricostruito sul set

L'ufficio di Walt Disney, che vediamo nel film, è una ricostruzione perfetta realizzata sul set. Non è stato possibile utilizzare quello vero perché è occupato da Marc Cherry, produttore della Cherry/Wind Productions che non ha autorizzato le riprese del film.

6. Ralph, l’autista inventato

Il personaggio di Ralph, l’autista personale della Travers, interpretato da Paul Giamatti, è totalmente inventato.

7. La cravatta con le iniziali STR

In molte scene, Tom Hanks/Walt Disney indossa una cravatta con le iniziali STR. La sigla sta per Smoke Tree Ranch, cioè l’area privata a Palm Springs dove il vero Walt Disney aveva una casa. Si tratta, comunque, della stessa cravatta che vediamo anche sulla statua di Disney (e Mickey Mouse) che si trova al Walt Disney World Magic Kingdom.

8. Il film preferito di Tom Hanks prodotto dalla Disney

In un’intervista, Tom Hanks ha dichiarato che il suo film preferito, prodotto da Walt Disney, è stato “20.000 leghe sotto i mari”, del 1954, diretto da Richard Fleischer.

9. Il divieto ai minori di 13 anni

In USA, il film ha ricevuto il PG-13, cioè è stato è stato vietato ai minori di 13 anni, non accompagnati dai genitori per la presenza di alcune immagini disturbanti.

10. Il budget e gli incassi

Costato 35 milioni di dollari, “Saving Mr. Banks” è riuscito ad incassarne, globalmente, 117.867.984.

Le 10 cose di “Fuocoammare” che ancora non sapevate
Le 10 cose di “Fuocoammare” che ancora non sapevate
Le 10 cose di “Maleficent” che ancora non sapevate
Le 10 cose di “Maleficent” che ancora non sapevate
Le 10 cose de “La teoria del tutto” che ancora non sapevate
Le 10 cose de “La teoria del tutto” che ancora non sapevate
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni