3 CONDIVISIONI

Melancholia, la fine del mondo vista da Von Trier [la recensione]

La pellicola ruota attorno al rapporto conflittuale tra due sorelle, Claire (Charlotte Gainsburg) e Justine (Kirsten Dunst) molto diverse tra loro, mentre la Terra è minacciata da una catastrofe, per l’imminente collisione con il misterioso pianeta Melancholia.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Ciro Brandi
3 CONDIVISIONI
melanch

Il nuovo e bellissimo film scritto e diretto da Lars Von Trier arriva nelle sale dopo esser stato presentato in concorso al 64°Festival di Cannes, dove la protagonista Kirsten Dunst ha ricevuto il premio per la miglior interpretazione femminile.

La pellicola ruota attorno al rapporto conflittuale tra due sorelle, Claire (Charlotte Gainsburg) e Justine (Kirsten Dunst) molto diverse tra loro, mentre la Terra è minacciata da una catastrofe, per l'imminente collisione con il pianeta Melancholia.

Ovviamente parlare in questo modo del plot è altamente riduttivo. Il film di Von Trier è moltopiù profondo e assolutamente non appartiene a quella schiera di film catastrofici che siamo abituati a vedere al cinema negli ultimi anni. “Melancholia” è la storia di una dramma interiore, psicologico, una riflessione sulla morte, sulla solitudine, mettendoci subito di fronte la situazione finale e quello che succederà, per poi ripercorrere la vita delle due protagoniste. Infatti il film è diviso nettamente in due parti, ciascuna col nome dei due personaggi protagonisti, Justine e Claire. La storia inizia dal matrimonio di Justine in un bellissimo castello, ma il sorriso della giovane nasconde ben altre inquietudini che il regista segue passo dopo passo, come un’ombra. Claire invece è l’esatto opposto, sposata con John (uno splendido Kiefer Sutherland) e mamma di un bimbo, ha organizzato tutto per il matrimonio di Claire pur di non vederla più triste e depressa. Ma è proprio Claire quella ad avere più paura della fine del mondo, mentre Justine è rassegnata.

Non è difficile vedere in Melancholia la raffigurazione del pianeta Saturno, portatore per antonomasia di morte e sventura, che influisce probabilmente sullo stato d’animo di Justine, rendendola vittima di se stessa e attirandolo a sé, quasi per liberarsi una volta per tutte dalla sua depressione. L’impatto sarà inevitabile e non ci sarà una seconda chance. Tutto finirà, il nostro pianeta sparirà per sempre, confermando l’ipotesi che siamo realmente soli nell’Universo e siamo nulla nelle mani di Madre Natura.

E’ superfluo dire che la regia di Von Trier è ineccepibile, così come la fotografia poetica e sognante di Manuel Alberto Claro e le scenografie di Jette Lehmann. Assolutamente da Oscar.

Voto: 8 ½

3 CONDIVISIONI
European Film Awards, 8 nomination per Melancholia di Von Trier
European Film Awards, 8 nomination per Melancholia di Von Trier
The Nymphomaniac di Lars Von Trier sarà “quasi” porno
The Nymphomaniac di Lars Von Trier sarà “quasi” porno
La fine del mondo di Brignano nell'ultima putanta de Le Iene [VIDEO]
La fine del mondo di Brignano nell'ultima putanta de Le Iene [VIDEO]
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni